All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Ben Allison: tra groove e melodia

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Il bassista e compositore Ben Allison è uno dei principali bandleader della scena contemporanea. Negli ultimi vent'anni ha pubblicato 12 album a capo di vari ensemble, collaborato in trenta e più dischi e fondato il Jazz Composers Collective. Dotato di una personale vena creativa, Allison compone brani d'inconfondibile freschezza e raro appeal, che sono tra gli elementi distintivi della sua musica. In quest'intervista il bassista parla del suo ultimo album (Layers of The City, Sonic Camera Records 2017), del suo stile, della lunga collaborazione con la Palmetto Records e di molto altro.

All About Jazz Italia: Vorrei iniziare parlando di Layers of the City. Splendida musica e belle composizioni ma vorrei sottolineare il clima musicale che ricorda un po' Miles Davis. Cosa ci dici?

Ben Allison: Grazie per gli apprezzamenti. Sono molto soddisfatto di quest'album. Tutti i musicisti coinvolti, Jeremy Pelt, Frank Kimbrough, Steve Cardenas e Allan Mednard infondono linfa vitale nei brani del disco. C'è grande intesa tra noi e questo è forse l'ingrediente più importante per realizzare un buon disco. Nel corso dell'album ci sono tanti momenti d'interplay nei quali si può sentire come l'idea di qualcuno nasce e poi viene presa e sviluppata dal resto del gruppo. È interessante il tuo riferimento a Miles: un aspetto importante del suo genio era l'abilità di riunire i musicisti più idonei per creare una speciale intesa. Non ho progettato quest'album con Miles in mente ma lui ha esercitato un forte impatto su di me me, come su molti musicisti della mia generazione. Per questo motivo credo che la sua musica resti sempre nella mia mente.

AAJ: Il tuo coinvolgimento con la Palmetto Records è durato molti anni. Quali fattori hanno consentito questa lunga collaborazione col produttore Matt Balitsaris?

BA: Negli anni novanta sono stato uno dei primi artisti jazz a firmare con la Palmetto ed è stata una fortuna. Negli anni di gestione di Balitsaris, che era anche il fondatore, la Palmetto si caratterizzò come la Blue Note del suo tempo. Come quest'ultima la Palmetto ha prodotto un mucchio di splendida musica che veniva trascurata dalle grandi case discografiche. Guardando a posteriori l'etichetta ha documentato alcune tra le cose migliori dell'epoca, anche perchè era interessata interamente alla qualità musicale e non scritturava artisti celebri. In molti casi promuoveva musicisti emergenti oppure dava spazio a nomi leggendari per realizzare dischi d'alta integrità. Alcuni dei miei eroi, come Andrew Hill e Dr. Lonnie Smith, hanno pubblicati alcuni dei loro album migliori con la Palmetto e la ragione di questo era proprio Matt Balitsaris.

AAJ: Non molto tempo fa il produttore ha lasciato il mercato discografico per dirigere un'istituzione che promuove microcrediti ad Haiti. È una scelta ammirevole ma è anche una perdita per il jazz...

BA: Sono d'accordo. Quando ho sentito il bisogno d'incidere un'altro disco mi sono messo in contatto con Matt per chiedergli se poteva inciderlo. Mi mancava lavorare con lui e sono stato entusiasta quando mi ha detto si. I suoni che ha ottenuto in quest'ultimo disco sono meravigliosi, così pieni di vita e acusticamente ricchi. C'è stato tanto da lavorare quando è giunto il momento del missaggio. Quest'operazione l'ho compiuta da solo e credo di dare all'album un mio particolare carattere, un "Ben Allison Sound" [ride N.d.R.].

AAJ: Quattro anni fa hai fondato una tua etichetta, la Sonic Camera. Quali sono i motivi alla base di questa scelta?

BA: Quando nel 2011 Balitsaris lasciò la Palmetto io stavo realizzando l'ultimo disco richiesto dal mio contratto, ovvero Action-Refraction. Terminata l'incisione decisi di non firmarne un altro perchè senza Matt l'etichetta non mi sembrava più la stessa. Iniziai così a pensare di poter fare un buon lavoro a capo di una mia etichetta. Nei molti anni in cui realizzavo album con altre label, ascoltavo e imparavo, assorbendo quello che potevo sul mestiere, il processo e il mercato. C'è tanto da sapere e capire se vuoi fare un buon lavoro in questo campo. Bisogna avere una buona comprensione degli aspetti riguardanti il copyright, la produzione, il marketing, la promozione, la distribuzione e una serie di altre abilità. Ho appreso molto lavorando direttamente con la Palmetto e ho potuto usare quelle conoscenze quando ho creato la Sonic Camera Records. In un certo senso avviare un'etichetta è stato un'altro modo di esprimermi. Occorre infatti molta creatività nell'operare entro il mercato discografico, incluso scoprire come ottenere il massimo con risorse limitate.

AAJ: La tua scrittura è moderna con composizioni dal chiaro indirizzo melodico. È una precisa scelta artistica?

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

D.A.V.E.

D.A.V.E.

Ben Allison
The Stars Look Very Different...

Catching Up With
Interviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Layers of the City

Layers of the City

Sonic Camera Records
2017

buy
Quiet Revolution

Quiet Revolution

Newvelle Records
2016

buy
The Stars Look Very Different Today

The Stars Look Very...

Sonic Camera Records
2014

buy
Action-Refraction

Action-Refraction

Palmetto Records
2011

buy
Think Free

Think Free

Palmetto Records
2010

buy

Related Articles

Read Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors Interviews
Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors
by Ludovico Granvassu
Published: September 7, 2018
Read Val Wilmer: Dues And Testimony Interviews
Val Wilmer: Dues And Testimony
by Ian Patterson
Published: September 5, 2018
Read Bob James: Piano Player Interviews
Bob James: Piano Player
by R.J. DeLuke
Published: September 3, 2018
Read Ben Wolfe: The Freedom to Create Interviews
Ben Wolfe: The Freedom to Create
by Stephen A. Smith
Published: September 1, 2018
Read Peter Epstein: Effortless Precision Interviews
Peter Epstein: Effortless Precision
by Stephen A. Smith
Published: September 1, 2018
Read Dan Shout: In With a Shout Interviews
Dan Shout: In With a Shout
by Seton Hawkins
Published: August 31, 2018
Read "Hugh Masekela: Strength in Music and Character" Interviews Hugh Masekela: Strength in Music and Character
by R.J. DeLuke
Published: January 23, 2018
Read "Dan Kinzelman: Stream of Consciousness" Interviews Dan Kinzelman: Stream of Consciousness
by Neri Pollastri
Published: April 30, 2018
Read "Nicky Schrire: Permission to Be Yourself" Interviews Nicky Schrire: Permission to Be Yourself
by Seton Hawkins
Published: July 9, 2018
Read "Bokani Dyer: African Piano" Interviews Bokani Dyer: African Piano
by Seton Hawkins
Published: June 7, 2018
Read "Nels and Alex Cline: 50 Years in the Making" Interviews Nels and Alex Cline: 50 Years in the Making
by Jonathan Manning
Published: January 25, 2018
Read "Aaron Goldberg: Exploring the Now" Interviews Aaron Goldberg: Exploring the Now
by Luke Seabright
Published: November 24, 2017