All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Maisie: Balera metropolitana

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Sono quarantaquattro, come i gatti in fila per sei col resto di due, le canzoni della nuova impresa dei siciliani Maisie, a cinque anni dal quel Morte a 33 giri che avevamo salutato come una delle cose più felici successe alla musica italiana in questi anni di scarsi segni di vita creativa. Quarantaquattro brani, disposti con ordine sui due CD di questa Balera Metropolitana nella quale, come potete intuire, succede ovviamente di tutto.

Esistessero ancora i negozi di dischi [esistono?], dovrebbe diventare obbligatorio rigirarsi tra le mani il doppio disco in questione importunando il commesso del negozio di dischi [ma esiste ancora?] con domande quali "ma che genere fanno questi Maisie?", perché le risposte potrebbero accavallarsi all'infinito, come in quei cartoni animati di un tempo nei quali i baloons ricolmi di parole si sovrapponevano fino a saturare l'immagine.

Sarebbe quindi impresa piuttosto vana tentare, pur con le affilate armi del recensore impenitente, di descrivere nel dettaglio l'incalzante clangore di stili che stordisce l'ascoltatore, tra dance e cantatorato deviante, elettronica in saldo e sottoculture waves, mettendo nel frullatore qualsiasi ingrediente, basta che sia nutriente [e per i Maisie la categoria del nutriente è molto ampia!], tanto il ritratto della nostra quotidianità che ne viene fuori è sempre agghicciante e azzeccato.

Onore al merito quindi e onore al lavoro sulle voci, con Carmen D'Onofrio e Cinzia La Fauci raggiunte da Serena Tringali e uno stuolo di ospiti improbabile quanto strepitoso: ecco quindi Amy Denio, ma anche due miti sommersi della musica italiana come Flavio Giurato e Mario Castelnuovo e molti altri, a contribuire allo straniante affresco di umanità piacevolmente alla deriva su cubi luminosi.

A voi quindi il piacere di scorrere i testi di Alberto Scotti, sempre stimolanti nell'alternanza di istantanee inquietanti e di svenenvoli orrori, con concetti quali "la morte" o "il sesso" al centro di placide ossessioni. A voi il piacere di rendervi conto che molte canzoni sono ben bruttarelle, ma che hanno un loro "bruttarello perché" e tra una e l'altra spuntano ottime cose come "La centrale nucleare" o "Ballata tristissima," ma anche diversi brani del secondo CD ["Amore e tabacchi" e la strepitosa "Il giorno più bello della mia vita" tra gli highlights].

A voi - sempre che abbiate voglia di accettare la schizofrenica sfida dei Maisie - il piacere di porvi domande sull'Italia, sull'uomo, sulla donna, sulla musica, sull'inutilità di tanti suoni di questo disco, ma sul fatto che in un mondo dove tutto sembra divenuto inutile, anche il fatto che "gli insetti disegnano armonie nell'aria per noi, solo per noi, per noi, solo per noi, molto meglio di John Zorn, non c'è paragone (no, non c'è), non c'è paragone (no, non c'è)" ha un suo crudele perché.

Tanto il tempo per maturare e diventare vecchi c'è sempre...

Track Listing: CD 1: 01. Andavo a 100 all'ora; 02. Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di***?; 03. Voglia di cosce e di sigarette, 04. Balera metropolitana; 05. John Wayne Gacy; 06. Maria; 07. Quando morì Cristicchi (fu un grande dispiacere), 08. La centrale nucelare; 09. Blues finito male; 10. Spread your appendages; 11. Sabato suicide; 12. Turpe Turpe Marescia'; 13. L'amore in città; 14. Hanno ammazzato un bambino; 15. Festival; 16. Ballata tristissima; 17. Your heavily-twined limbs; 18. Sette sataniche otto volante; 19. 3msc; 20. Nostalghia canaglia; 21. Stereo a cassette; 22. Ultima discoteca in città. CD 2: 01. Polka di centrosinistra; 02. Amore e tabacchi; 03. La banana e il parassita; 04. Maggici; 05. W le aliene!; 06. Frate Mitra; 07. Io non protesto, io amo; 08. Il cielo è spoglio; 09. n. 79 – Istituto Marino (Via ortopedico); 10. Si sveglia; 11. n. 79 – Istituto Marino (Via ortopedico) [versione di Mario Castelnuovo]; 12. Pelato sì, ma con la brillantina; 13. Il giorno più bello della mia vita; 14. Elena; 15. Ivana e Gabriella; 16. Mogol e Panella; 17. Musica della Madonna; 18. La licantropia; 19. Miaostelle; 20. I gatti matti; 21. Piante e cadaveri; 22. Niente da scoprire.

Personnel: Alberto Scotti (programmazione, synth), Cinzia La Fauci, Carmen D'Onofrio, Serena Tringali (voce); Luigi Porto (programmazione fiati-synth); Donato Epiro (flauto, chitarre, basso); Michele Alessi (chitarre, armonica, ukulele).

Title: Balera metropolitana | Year Released: 2009 | Record Label: Oval Window Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Read more articles
 

Live in Hamburg: The...

Rialto Center for the Performing Arts
2013

buy
 

Dirty Baby

Cryptogramophone
2011

buy

Related Articles

Read First Nature Album Reviews
First Nature
By Troy Dostert
July 19, 2019
Read Sacred Kind of Love: The Columbia Recordings Album Reviews
Sacred Kind of Love: The Columbia Recordings
By Jakob Baekgaard
July 19, 2019
Read Perhaps Album Reviews
Perhaps
By Don Phipps
July 19, 2019
Read Terra Incognita Album Reviews
Terra Incognita
By Dan McClenaghan
July 19, 2019
Read New York Trio Album Reviews
New York Trio
By Troy Dostert
July 18, 2019
Read Invincible Nimbus Album Reviews
Invincible Nimbus
By Jerome Wilson
July 18, 2019
Read Syzygy Album Reviews
Syzygy
By Don Phipps
July 18, 2019