All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Carlo Bernardinello: Artist´s Dreams

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il jazz ha avuto tanti cambiamenti di stile legati ai tempi ed ai luoghi in cui i musicisti si sono trovati ad operare. Basta mettere a confronto, tanto per fare un esempio 'classico,' la nevrosi urbana dei bopper newyorchesi con l'approccio rilassato dei musicisti West Coast. Era così in quel periodo storico come adesso. Prendiamo il gruppo guidato dal batterista Carlo Bernardinello: tutto si svolge con perizia calligrafica, senza neanche troppa tensione interiore, belli ed eleganti, in un idioma che ha le sue radici nella musica afroamericana, ma di cui rifiuta i ritmi troppo complicati o quello swing che non è che sia stato proprio compreso da questa parte dell´oceano, nonostante il monito di Duke Ellington. Espressione, questa volta, di quello che si svolge sulle coste del Bel Paese.

Ci sono assoli molto competenti dei fiati, che ben si intrecciano fra di loro, con il flauto di Wally Allifranchini molto duttile che aggiunge un colore in più all´impasto delle voci. C´è quella verve, quella voglia di suonare che fa sí che si stia lontano da atmosfere da easy listening o smooth jazz. In questo sono sinceri, espressione di un jazz fatto in Italia, con tutte le difficoltà del caso, che andrebbe bene anche davanti ad un pubblico di solito avvezzo alla musica classica, che rifuggirebbe dai tamburi di un Roy Haynes o di una Cindy Blackmann, o dalla tromba di un Charles Tolliver o dal trombone di un Frank Lacy, tanto per restare al mainstream ed agli strumenti qui utilizzati.

Un jazz quindi, quello di Bernardinello, con limiti regionali, così come fu definito certo fatto sulla "West Coast"? Assolutamente no, perchè gli arrangiamenti, quello che si definisce come "mestiere," le capacità strumentali, ci sono e sono espressione di un modo di vita, di un pubblico, di sale da concerto tipicamente "made in Italy," che meriterebbe dello spazio anche fuori confine, per realizzare quelli che sono i sogni del titolo.

Track Listing: 1. Lucky Star (Carlo Bernardinello) - 4.01; 2. Romantic (Carlo Bernardinello) - 5:39; 3. Piccola Italy (Gorni Kramer) - 4:43; 4. T'ho voluto bene (Gino Redi); 5. Giving Receiving (Lars Jansson) - 4:32; 6. Angelus (Lars Jansson) - 5:56; 7. Il sogno di Gioia (Fabio De March) - 5:44; 8. Tu si 'na cosa grande (Domenico Modugno) - 5:09; 9. Tintarella di luna (Bruno De Filippi) - 4:43; 10. Pari e dispari (Carlo Bernardinello) - 2;54.

Personnel: Lars Jansson (piano); Fabio De Marchi (basso elettrico); Carlo Bernardinello (batteria); Alberto Mandarini (tromba, flicorno); Wally Allifranchini (sax, flauto); Rudy Migliardi (trombone).

Title: Artist´s Dreams | Year Released: 2010 | Record Label: Point of Departure, WMPG-FM

About Lars Jansson
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Cause and Effect
Cause and Effect
By Ian Patterson
Read Geschmacksarbeit
Geschmacksarbeit
By John Eyles
Read Emergence
Emergence
By Geannine Reid
Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara