All About Jazz

Home » Articoli » General Articles

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Arancio, nero e nostalgia: tempo di ristampe in casa Impulse!

Luca Canini By

Sign in to view read count
Piovono ristampe in casa Impulse!. Un diluvio benedetto a tinte arancionere che riporta sugli scaffali dei negozi classicissimi e rarità a prezzi stracciati. Non il massimo l'operazione dal punto di vista filologico: grafica discutibile, copertine originali incrociate grossolanamente, rimasterizzazione discreta ma non eccelsa, note riprodotte in miniatura e in alcuni casi praticamente illeggibili; ma il rapporto qualità/prezzo è talmente buono (tra i 5 e i 10 euro per un viaggio in prima classe nella storia del jazz), che per una volta gli audiofili più esigenti e i collezionisti di sciccherie sono pregati di chiudere un occhio.

Lunga la lista dei titoli da acchiappare al volo in questa seconda infornata di «due in uno». A partire dall'attesa ristampa in CD (l'ultima non giapponese risaliva addirittura al '93) dell'esordio su Impulse! di Pharoah Sanders: Tauhid, registrato nel novembre del '66, a un paio di anni abbondanti dal debutto assoluto del «faraone» su ESP. Un must della seconda ondata free e una delle vette (la vetta?) dell'intera produzione del figlioccio di Coltrane. Che prodotto da Bob Thiele e guidato dalla mano esperta di Rudy Van Gelder, porta in studio una band fantastica: Dave Burrell al piano, Henry Grimes al contrabbasso, il debuttante Sonny Sharrock alla chitarra -accreditato ancora con il nome di battesimo: Warren -, Roger Blank alla batteria e Dan Bettis alle percussioni.

L'esito è folgorante: dall'iniziale "Upper Egypt & Lower Egypt" alla conclusiva "Capricorn Rising," in 35 minuti scarsi c'è tutto il Sanders pensiero. Le proverbiali sfuriate, i deliri di percussioni e strumenti etnici, l'esotismo ancestrale, la spiritualità post-coltraniana, le derive ipnotiche, l'esaltazione di una «blackness» universale e terzomondista. Un'opera che ha spaccato in due gli anni Sessanta e alla quale hanno guardato schiere di ispirati discepoli e volgari imitatori. Accoppiata per questa nuova ristampa a Jewels of Thought, disco numero quattro di Sanders e terza fatica griffata Impulse!, messa su nastro a fine '69. Lavoro fascinoso, visionario, struggente (da brividi l'attacco al tenore in "Hum-Allah-Hum- Allah-Hum-Allah"), con uno schieramento di bassi e batterie da infarto (Cecil McBee, Richard Davis, Roy Haynes e Idris Muhammad a sovrapporsi e alternarsi), ma nel quale fa capolino l'effetto «normalizzante» del pianista Lonnie Liston Smith. Non siamo ancora al manierismo confusionario di alcuni lavori successivi (attraversando i 27 e passa minuti di "Sun in Aquarius" c'è ancora di che stupirsi), ma parte dell'urgenza e dell'irriverenza di Tauhid è andata perduta. Sacrificata sull'altare di una formula che Thembi e Black Unity -il primo del '70, il secondo del '71 -fotografano alla perfezione. Dischi da avere, diciamolo subito; saggiamente accoppiati in questa seconda ristampa dedicata a Sanders (bigino da mandare a memoria per chi si è gettato ai piedi del profeta Kamasi Washington). Ma nonostante le zampate alla "Black, Red & Green," e nonostante lo spettacolo pirotecnico offerto dai 40 minuti scarsi di "Black Unity" (prodotti da Lee Young, fratello minore del Lester sassofonista e futuro dirigente della Motown), siamo lontani dall'incanto scomposto dei Sessanta. Addio spigoli, addio vertigini: binari dritti e via sicuri fino alla stazione successiva.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

Related Articles

Read "Kurrent Duo at The Bop Stop" Live Reviews Kurrent Duo at The Bop Stop
by C. Andrew Hovan
Published: November 8, 2017
Read "Jakob Baekgaard's Best Releases of 2017" Best of / Year End Jakob Baekgaard's Best Releases of 2017
by Jakob Baekgaard
Published: December 28, 2017
Read "Of Things Not Seen" Reassessing Of Things Not Seen
by C. Michael Bailey
Published: January 8, 2018
Read "Belovèd Django Bates" Mixcloud Belovèd Django Bates
by Ludovico Granvassu
Published: June 17, 2018
Read "Jazz, Suffering, and Meaning" What is Jazz? Jazz, Suffering, and Meaning
by Douglas Groothuis
Published: November 23, 2017