Support All About Jazz All About Jazz needs your help and we have a deal. For $20, we'll hide those pesky Google ads that appear on every page, plus this box and the slideout box on the right for a full year!


I want to help
1

Triosonic Rabbia, Maier, Battaglia: Anything Your Little Heart Says

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Triosonic Rabbia, Maier, Battaglia: Anything Your Little Heart Says Ha dovuto attendere quasi cinque anni questa registrazione, datata ottobre 2009, per vedere la luce, e verrebbe da chiedersi perché. In realtà non lo faremo, accontentandoci di analizzare un album che, visti i suoi tre artefici (e il precedente di cui diremo), desta forte curiosità anche a vederlo ancora imbustato.

Va chiarito, per cominciare, che non siamo in alcun modo in presenza di un pendant-variante del trio di Stefano Battaglia con Dani e Maiore, quanto semmai di un ampliamento del duo, antichissimo, fra il pianista e Michele Rabbia (Stravagario, si chiamava, e forse ancora si chiama). L'allargamento a Giovanni Maier—ecco il precedente cui si alludeva—si era del resto già verificato in occasione del bellissimo doppio Raccolto (ECM, 2005), dove tuttavia il bassista compariva solo nel primo dei due dischetti (nell'altro c'era Dominique Pifarély) e in ogni caso l'album era a nome del solo Battaglia, che qui invece non solo condivide la paternità con i due confratelli, ma non firma nessuno dei brani in scaletta, che sono in sette casi di Maier e in quattro di Rabbia. Un album, insomma, del tutto "democratico," come si diceva un tempo.

Detto ciò, notiamo come l'iniziale "Spazio" sembri quasi messo lì a bella posta per corroborare quanto appena detto, ben lontano com'è da ogni idea-archetipo di piano trio. Non così il successivo "Three Kings," però, subito ben più lirico-descrittivo, né i più liberi "Agrodolce" e "Sequence," quest'ultimo di tratto vagamente tristaniano.

Tale situazione si allarga sostanzialmente a quanto segue, ovviamente con tutte le variabili del caso, tra acque chete e marosi più agitati (nervosi, quanto meno), tensione che monta e successivi ripiegamenti, ariosità che rasenta l'apnea e incornate ritmiche più o meno repentine.

Un disco, insomma, tutto da ascoltare.


Track Listing: Spazio; Three Kings; Agrodolce; Sequence; Choiropsales; Anything Your Little Hearts Says; Domenica mattina; Corale; Agrodolce (alternative version); Soffio; Buonanotte.

Personnel: Stefano Battaglia: pianoforte; Giovanni Maier: contrabbasso; Michele Rabbia: batteria.

Year Released: 2014 | Record Label: Parco Della Musica | Style: Modern Jazz


Related Video

Shop

More Articles

Post a comment

comments powered by Disqus

All About Vince Guaraldi!

An exclusive opportunity for All About Jazz readers to participate in the celebration of a jazz legend.