Home » Articoli » My Favourite Things » Andrea Grillini e il Questionario di Proust

1

Andrea Grillini e il Questionario di Proust

By

Sign in to view read count
Il tratto principale della mia musica
Sostanzialmente mi immagino delle fotografie, ricche di dettagli.

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
Con i musicisti che suonano con me esiste un legame affettivo e umano. Sono persone con cui è nato uno scambio di informazioni, sancito da una profonda lealtà.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice
Ce ne sono tanti di momenti felici: da chi dopo un concerto ti dedica una poesia, ai collaboratori più stretti dove ci si intende al volo nei discorsi, o semplicemente un sorriso o uno sguardo complice durante un live... In realtà uno ce l'ho ma lo tengo per me...

Come musicista, il mio principale difetto
Essere testardo e lavorare ai minimi dettagli, tralasciando a volte la spontaneità.

La mia più grande paura quando suono
Non far stare a proprio agio i miei compagni di viaggio

Sogno di suonare
Con Marshall Allen.

La mia fonte di ispirazione
Dalla natura alla cucina, passando per i più grandi del jazz.

I miei musicisti preferiti
Tantissimi, troppi... Mi perdo solo a pensarci

I miei dischi da isola deserta
Anche qui tanti, troppi ... Non basterebbe l'isola per contenerli. Comunque tra di questi ci sono sicuramente Chants di Craig Taborn, My Funny Valentine di Miles Davis, Space is the Place di Sun Ra

La canzone che fischio sotto la doccia
Giorgio Gaber: "Torpedo blu."

I miei pittori preferiti
Michelangelo, De Chirico, Antonio Ligabue, Francis Bacon e tantissimi altri.

I miei film preferiti
"L'uomo senza sonno," "Memento," "Shutter Island," "Taxi Driver," "Arancia meccanica," "Brazil," tutti i film di Elio Petri e tantissimi altri...

I miei scrittori preferiti
Pasolini, Calvino, Benni e molti altri.

La mia occupazione preferita
Studiare, ascoltare e mangiare.

Il dono di natura che vorrei avere
L'istinto che hanno gli animali selvatici.

Nella musica, la cosa che detesto di più
Pensare.

Gli errori musicali che mi ispirano maggiore indulgenza
Partiamo dal punto che non siamo robot o computer Midi... È interessante far ragionare le persone ed educarle, facendo notare gli errori senza giudicare...

Il pezzo che vorrei venisse suonato al mio funerale
"Frevo" di Egberto Gismonti.

Lo stato attuale della mia attività musicale
Una crisalide dentro un congelatore.

Il mio motto
Meglio di ieri, peggio di domani, per gentile concessione del grandissimo Achille Succi.

< Previous
Mariposas Cantan

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Jazz article: Frank Woeste
My Favourite Things
Frank Woeste

Popular

Read Ahmad Jamal: An American Classic
Read Introducing Baritone Saxophonist Evan Gongora
Read Ahmad Jamal: After Poinciana
Read George Colligan Quartet At Magy's Farm
Read Julian Siegel Quartet At Magy's Farm
Read The Mount Rushmore of Hard Bop
Readers Poll Results
The Mount Rushmore of Hard Bop

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.