All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Anais Drago - Un violino per Zappa (e oltre)

Anais Drago - Un violino per Zappa (e oltre)
Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Tra i tanti materiali musicali che ci passano quotidianamente tra le mani, ogni tanto ce n'è qualcuno che ci colpisce particolarmente, per un motivo o per l'altro. Questa volta è toccato al CD che rappresenta l'esordio discografico di Anais Drago, sia per l'eclettico curriculum della giovane violinista di Biella che per il fatto di essere un album dichiaratemente ispirato a Frank Zappa.

Qui è possibile leggere la nostra recensione del CD che ha stimolato il nostro interesse. Approfittando della disponibilità dell'artista, l'abbiamo intervistata per approfondire alcuni dettagli del suo lavoro e conoscerla un po' meglio.

AAJ: Parlaci un po' di te, in particolare della tua educazione e dei tuoi interessi in ambito musicale, e degli artisti che ti hanno influenzato maggiormente.

AD: Ho iniziato a suonare a tre anni e mezzo, con la metodologia Suzuki. Ho completato i miei studi classici con il diploma in violino, ma già prima avevo iniziato a cimentarmi in altri tipi di musica, partendo con il folk irlandese e avvicinandomi per gradi poi all'improvvisazione e al jazz. Dopo un'esperienza di vita a Londra e qualche seminario qua e là ho deciso di dedicarmi completamente a quest'ultimo, e ho intrapreso una laurea specialistica in composizione jazz, più per ampliare le conoscenze in merito e applicarle allo strumento che per diventare una vera compositrice! Il mio studio del jazz è avvenuto in maniera poco graduale e mirata, e infatti a lungo ho avuto una grande confusione in testa.

Più che essere influenzata da particolari artisti, ci sono stati alcuni dischi che mi hanno entusiasmata e ispirata (e ancora adesso è così), e anche questi ultimi sono decisamente "random" e forse poco affini l'un l'altro. Ad ogni modo, amo particolarmente artisti come Charles Mingus, John Coltrane, Jan Garbarek, Mike Stern, Pat Metheny, Wayne Shorter (molti dei miei standard jazz preferiti sono suoi), Avishai Cohen, Chick Corea e altri ancora. Anche dal mondo del rock-prog ho attinto molto, specialmente dai King Crimson, gli Yes, i Gentle Giant, i Morphine... poi ogni tanto scopro un disco nuovo (per me, si intende), e me ne innamoro. Ultimamente è successo con We insist di Max Roach e con le Suites di Duke Ellington!

AAJ: Come è nato il tuo progetto su Zappa, e come si è sviluppato il tuo interesse nei suoi confronti? Cosa rappresenta per te oggi la sua musica?

AD: Tutto è nato quando dovevo scegliere su cosa presentare la mia tesi di laurea in composizione jazz. Essendo appassionata di sonorità di un certo tipo, volevo creare qualcosa di musicalmente denso, corposo e che andasse verso il rock. In Frank Zappa, ovviamente, ho trovato la sintesi di tutto. Non era un artista che ascoltavo da tempo: certo, conoscevo qualche brano, ma quando ho capito che poteva essere la chiave del lavoro, mi ci sono buttata a capofitto. La mia tesi, dal punto di vista teorico, è stata un'analisi approfondita della sua musica e delle sue partiture, che ho trascritto io stessa, mentre dal punto di vista pratico mi sono cimentata nella composizione di brani partendo da piccole cellule melodiche o armoniche estrapolate da alcuni suoi pezzi.

La tesi ha avuto un ottimo riscontro e con i musicisti che mi accompagnavano ho deciso di dare un seguito al progetto: abbiamo completato il repertorio con alcuni pezzi di Zappa che avevo appunto trascritto per la tesi ed è nato questo progetto. Un'etichetta parigina, Another Music Records, si è poi interessata a me e alla mia musica ed esattamente ad un anno dalla tesi siamo entrati in studio di registrazione per incidere i miei brani. Credo che per molti una volta scoperto Zappa non lo si possa abbandonare. Per me è un continuo punto di riferimento, un pozzo di idee da cui attingere ispirazione e modelli.

AAJ: Quindi se ho capito bene hai usato materiali di Zappa (armonici e/o melodici) come base su cui sviluppare le tue composizioni. Hai cercato di preservare qualcosa dello spirito di Zappa nel risultato finale?

AD: Ogni pezzo del disco ha una sua storia particolare e l'apporto zappiano varia di volta in volta. In alcuni casi il frammento utilizzato funge da 'mattone basilare' alla composizione, mentre in altri casi viene utilizzato come voce secondaria, ad esempio in accompagnamento ad una melodia principale composta da me. Credo che ciò che lasci trapelare un certo spirito zappiano sia l'eterogeneità, non solo tra un brano e l'altro, ma anche all'interno di ogni composizione. Ci sono alcuni momenti musicali imprevedibili che si collegano alla parte precedente senza un nesso troppo evidente a volte, e ti trasportano in realtà differenti. Questo è ciò che ho cercato di creare tramite le composizioni.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Interviews
Carlo Mombelli: Angels and Demons
By Seton Hawkins
April 22, 2019
Interviews
Anoushka Shankar: Music Makes the World a Better Place
By Nenad Georgievski
April 17, 2019
Interviews
Dorothy & George Jacob: Putting Bray On The Jazz Map
By Ian Patterson
April 16, 2019
Interviews
Harold Danko: His Own Sound, His Own Time
By Jakob Baekgaard
April 8, 2019
Interviews
Nenette Evans: My Life With Bill
By Bruce Guthrie
April 5, 2019
Interviews
Aaron Rimbui: Nairobi to New York City
By Seton Hawkins
April 2, 2019
Interviews
Matt Davis: Big Family, Big Picture
By Dan Bilawsky
March 21, 2019