All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Collettivo Franco Ferguson: Amazing Recordings

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Collettivo Franco Ferguson: Amazing Recordings
Per spiegare in cosa consiste l'iniziativa di Amazing Recordings è il caso di riportare testualmente parte del comunicato stampa diramato da Franco Ferguson, che è «un collettivo formato da musicisti che condividono un approccio critico, creativo e non ortodosso al jazz ed alle musiche ad esso correlate. Formatosi circa tre anni fa il collettivo ha raccolto intorno a sé centinaia di musicisti/e in una sorta di incontro permanente,... permettendo a tantissimi di suonare insieme, di conoscersi e frequentarsi al di là degli steccati, degli stili o delle differenti "scuole". Il progetto Amazing Recordings è nato proprio all'inizio di quest'avventura, nel giugno 2009, sulla base di un'esigenza di documentazione sonora di una parte della scena raccoltasi intorno alle iniziative di Franco Ferguson».

I due CD qui recensiti costituiscono quindi un'antologia ragionata, una vetrina per alcune delle formazioni nate all'interno di questo collettivo; fra l'altro alcune di esse hanno in seguito avuto modo di rincontrarsi in concerto o su disco, a dimostrazione della funzione aggregante e di stimolo esercitata dall'iniziativa romana.

Anziché procedere ad una lettura di sintesi, ricercando fra i vari gruppi connessioni ed analogie (che pure esistono), propendo per un'esposizione analitica, individuando in modo "oggettivo" e telegrafico i caratteri distintivi di ognuno dei dodici gruppi che si susseguono nei ventuno brani. È evidente comunque che nella musica di queste tracce l'improvvisazione la fa da padrona, assumendo sostanze e sfumature sempre diverse. La pronuncia strumentale, gli sviluppi, il tipo di interplay sono comunque prevalentemente e decisamente jazzistici.

CD 1

- Untitled 1-2. In questi primi due brani sono soprattutto i sussulti del vibrafono di Lo Cascio e della batteria di Paliano a determinare le trame dinamiche.

- Untitled 3-4. Qui la connessione fra la voce di Marta Raviglia e il sax di Cook, sull'increspato sottofondo fornito da chitarra, basso e batteria, introduce un melodismo swingante e nervoso.

- Untitled 5-6. La chitarra di Moriconi e il trombone di Cattano caratterizzano l'improvvisazione, sia emergendo in assoli coriacei, sia dialogando fra loro, mentre basso e batteria scandiscono un andamento regolare.

- Untitled 7-8. Nel mosso 7 e nel più posato 8 (dove compare anche un vibrafono non specificato nelle note di copertina) sono invece lo scuro drive del contrabbasso di Silvia Bolognesi e il guizzante contralto di Pasquale Innarella a determinare una densa fisicità tipicamente jazzistica.

- Untitled 9-10. In queste tracce è l'altrettanto avvincente voce del contralto di Sandro Satta ad emergere su una formicolante trama collettiva.

- Untitled 11-12. Negli ultimi due brani del primo Cd, su un andamento sempre altamente improvvisato, si dipanano atmosfere più decantate, evanescenti e pacificate, anche se sottilmente inquietanti, da parte del trio Francescangeli-Peccheneda-Lo Cascio.

CD 2

- Untitled 1-2-3. Una pacata situazione narrativa, swingante ed a volte esotizzante, caratterizza la musica di questo trio in cui spicca il flauto di Henry Cook.

- Untitled 4. I percorsi tramati da Rosati, Bonini e De Santis vivono di una concreta e frastagliata dimensione elettronica.

- Untitled 5-6 Sono cinque ottoni a rincorrersi ed intrecciarsi con un pizzico di ironia in queste tracce, disegnando arabeschi che potrebbero sembrare scritti.

- Untitled 7. L'improvvisazione di questo quartetto è inizialmente prudente e distonica, prima di raggiungere un passo decisamente dinamico e swingante, per poi spegnersi in toni più rilassati.

- Untitled 8. Un andamento del tutto analogo a quello del brano precedente si sviluppa in questo caso, in cui si distingue il contralto di Guidi.

- Untitled 9. Nel lungo brano conclusivo la tromba di Olivieri, dall'incedere stizzoso e inventivo, si libra sopra un accompagnamento solidamente jazzistico. Dopo un intermezzo evanescente della chitarra di Boschi, riprende la tromba su un sottofondo ora quasi cool.

Track Listing

Untitled 1-21. Musica dei rispettivi gruppi.

Personnel

CD 1: Untitled 1-2: Alberto Popolla (clarinetti); Alessandro Salerno (chitarra); Francesco Lo Cascio (vibrafono); Mario Paliano (batteria). Untitled 3-4: Henry Cook (sax alto, flauto); Francesco Lo Cascio (vibrafono); Giacomo Ancillotto (chitarra); Roberto Raciti (contrabbasso); Francesco Cusa (batteria); Marta Raviglia (voce). Untitled 5-6: Tony Cattano (trombone); Andrea Moriconi (chitarra); Pino Sallusti (contrabbasso); Maurizio Chiavaro (batteria). Untitled 7-8: Pasquale Innarella (sax alto); Silvia Bolognesi (contrabbasso); Gulio Maschio (batteria). Untitled 9-10: Sandro Satta (sax alto); Antonio Jasevoli (chitarra); Roberto Raciti (contrabbasso); Roberto Altamura (batteria). Untitled 11-12: Marco Francescangeli (sax alto) Ezio Peccheneda (chitarra); Francesco Lo Cascio (vibrafono). CD 2: Untitled 1-2-3: Henry Cook (sax alto, flauto); Pino Sallusti, Roberto Altamura (batteria). Untitled 4: Marco Bonini (chitarra); Franz Rosati (elettronica); Daniele De Santis (batteria). Untitled 5-6: Antonello Sorrentino, Angelo Olivieri (tromba); Pasquale Innarella (corno francese); Tony Cattano (trombone); Luca Corrado (tuba). Untitled 7: Romano Pratesi (sax tenore ); Francesco Lo Cascio (vibrafono); Lillo Quaratino (contrabbasso); Claudio Sbrolli (batteria). Untitled 8: Mauro Guidi (sax alto); Andrea Araceli (piano); Lillo Quaratino (contrabbasso); Ermanno Baron (batteria). Untitled 9: Angelo Olivieri (tromba); Gino Maria Boschi (chitarra); Roberto Raciti (contrabbasso); Ettore Fioravanti (batteria).

Album information

Title: Amazing Recordings | Year Released: 2011 | Record Label: Point of Departure, WMPG-FM

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Mazel Tov Kocktail!
Mazel Tov Kocktail!
Ira B. Liss Big Band Jazz Machine
Read Twilight
Twilight
U.S.E. Trio
Read Play On
Play On
Out To Dinner
Read Auge
Auge
Aki Takase

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.