1

Tyshawn Sorey: Alloy

Luca Canini By

Sign in to view read count
Certi dischi ci impiegano un po' ad arrivare. Hanno bisogno di una certa distanza, di tempo per sedimentare in fondo alle orecchie. Giorni, settimane, a volte mesi. Guai ad avere fretta: bisogna saperli aspettare con infinita pazienza, coccolarli e convincerli dolcemente a parlare.

Impresa che di fronte all'ostinato silenzio del timido Alloy, quarta uscita in proprio del fenomenale Tyshawn Sorey, la seconda griffata Pi Recordings, mi è costata parecchia fatica. Questione di feeling e di attese più che di riottosità e complicanze. Reduce da un paio di esperienze interlocutorie (il precedente Oblique-I, in particolare, mi aveva lasciato piuttosto freddino), ammetto che sono partito con il piede sbagliato. Una secchiata di raggelanti dissonanze e ho dato per archiviata la pratica. «Ci risiamo -ho sospirato deluso-. Ma che diavolo di problemi ha il batterista di Steve Lehman?»: CD nella custodia e avanti il prossimo. Io e il Sorey compositore proprio non ci pigliamo.

Ammetto la colpa e pago pegno. Alloy è un gran disco. E l'omino che sta dentro ogni critico me l'aveva suggerito fin da quel primo disastroso approccio. Ha iniziato a darmi il tormento, a pungolarmi: «Sei tu il problema, non Sorey». Aveva ragione. Ci ho rimesso testa e orecchie, siamo ripartiti da capo e a un certo punto ci siamo trovati.

Galeotti i dolci sussurri della romantica "Movement," con il pianoforte imbronciato di Cory Smythe (da Braxton alla Deutsche Grammophon senza battere ciglio) che dopo un paio di minuti alla Paul Bley incontra le spazzole raffinatissime di Tyshawn e il contrabbasso legnoso di Christopher Tordini. Un malinconico abisso. Dal quale si risale con la trascinante "Template," unico brano in cui Sorey picchia alla sua maniera. Cuore e vertice del programma è però la mezz'ora abbondante di "A Love Song." Singole note e cluster gocciolano dal pianoforte in un mare di vibrante silenzio (Debussy? Morton Feldman?), con batteria e contrabbasso che solo dopo i venti si permettono di alzare educatamente la voce e persino di accennare un beat. Ci è voluto quel che ci è voluto, ma alla fine Alloy è arrivato.

Track Listing: Returns; Movement; Template; A Love Song.

Personnel: Tyshawn Sorey: drums; Cory Smythe: piano; Christopher Tordini: bass.

Title: Alloy | Year Released: 2015 | Record Label: Pi Recordings


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read The Way of It CD/LP/Track Review The Way of It
by Jack Bowers
Published: November 19, 2017
Read Tag Book CD/LP/Track Review Tag Book
by Jakob Baekgaard
Published: November 19, 2017
Read Hide Ye Idols CD/LP/Track Review Hide Ye Idols
by Troy Collins
Published: November 19, 2017
Read Spavati, Mozda Sanjati CD/LP/Track Review Spavati, Mozda Sanjati
by Nenad Georgievski
Published: November 19, 2017
Read Estonian Suite: Live In Tallinn CD/LP/Track Review Estonian Suite: Live In Tallinn
by Bruce Lindsay
Published: November 18, 2017
Read Queen City Blues CD/LP/Track Review Queen City Blues
by Mike Jurkovic
Published: November 18, 2017
Read "Flowers" CD/LP/Track Review Flowers
by John Sharpe
Published: November 23, 2016
Read "Left Right Left" CD/LP/Track Review Left Right Left
by Dan McClenaghan
Published: May 21, 2017
Read "From the Heart" CD/LP/Track Review From the Heart
by Tyran Grillo
Published: March 11, 2017
Read "Drama" CD/LP/Track Review Drama
by Geno Thackara
Published: August 4, 2017
Read "Zentuary" CD/LP/Track Review Zentuary
by Chris M. Slawecki
Published: June 5, 2017
Read "Meditations on Freedom" CD/LP/Track Review Meditations on Freedom
by Karl Ackermann
Published: January 11, 2017

Join the staff. Writers Wanted!

Develop a column, write album reviews, cover live shows, or conduct interviews.

Please support out sponsor