All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Billy Hart: All Our Reasons

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Dopo aver debuttato con questo quartetto nel 2006 (Quartet, High Note) Billy Hart ha mantenuto in vita la formazione, esibendosi regolarmente fino a raggiungere con questo disco uno dei lavori più significativi dell'anno e uno dei momenti più elevati della sua carriera di leader.

Hart è tra i migliori e più versatili batteristi del nosto tempo: iniziò negli anni sessanta accompagnando Otis Redding e Sam & Dave e finì il decennio lavorando stabilmente con Jimmy Smith e Wes Montgomery. Gli anni settanta furono addirittura gloriosi: iniziò nel sestetto di Herbie Hancock, partecipò all'incisione del davisiano On the Corner e fu poi fu scritturato da McCoy Tyner e da Stan Getz.

La sua discografia enumera qualche centinaio di collaborazioni ma limitate incisioni da leader - realizzate tra la fine degli anni settanta e i primi novanta - che non hanno lasciato particolare traccia, anche se almeno due andrebbero riscoperte.

Pensiamo a Oshumare (Gramavision, 1985) realizzato con un cast comprendente tra gli altri Dave Holland, Steve Coleman, Kevin Eubanks, Bill Frisell, Kenny Kirkland, Branford Marsalis e a Oceans of Time (Arabesque, 1997) dove guidava un settetto con Chris Potter, John Stubblefield, David Kikoski, David Fiuczynski, Mark Feldman e Santi Debriano.

Ma veniamo ad All Our Reasons. Le prime cose che colpiscono sono le splendide composizioni dal clima intensamente lirico e dalle soluzioni metriche e ritmiche mai scontate, che ricordano i gruppi di Paul Motian con Bill Frisell e Joe Lovano, anche se il drumming di Hart è più incisivo e frastagliato rispetto a quello del grande batterista scomparso.

Tra i brani scritti dal Hart spiccano "Song for Balkis," "Duchess" e "Imke's March". Mark Turner contribuisce con l'astratto "Wasteland" (caratterizzato dall'intenso dialogo tra lui e Hart) e il boppistico "Nigeria". La scrittura di Iverson spicca nel melodico "Nostalgia for the Impossible" e nell'originale riscrittura di "Giant Steps," intitolato col nome spirituale di Coltrane "Ohnedaruth".

Mark Turner, appare oggi straordinariamente maturo, esprimendosi con una sintassi tanto cantabile quanto libera e con un timbro vicino a Lovano (ma in certe inflessioni ricorda Charles Lloyd).

Ivan Iverson svolge a meraviglia la funzione armonica, con un pianismo luminoso, attento all'equilibrio sonoro e alle trasparenze. Il contrasto tra il suo stile e il drumming propulsivo e articolato di Hart è un altro degli aspetti di maggior rilievo del disco. Meno in evidenza ma sempre puntuale è il libero sostegno ritmico di Ben Street.

Un'opera eccellente, dunque, e uno splendido esempio di come il modern mainstream possa abbracciare più vasti ambiti di libertà.

Track Listing: 01. Song for Balkis (Hart) - 12:50; 02. Ohnedaruth (Iverson) - 6:03; 03. Tolli's Dance (Hart) - 2:27; 04. Nostalgia for the Impossible (Iverson) - 5:51; 05. Duchess (Hart) - 6:29; 06. Nigeria (Turner) 7:52; 07. Wasteland (Turner) 7:08; 08. Old Wood (Iverson) - 1:42; 09. Imke's March (Hart) - 5:48.

Personnel: Mark Turner (sax tenore); Ethan Iverson (pianoforte); Ben Street (contrabbasso); Billy Hart (batteria).

Title: All Our Reasons | Year Released: 2012 | Record Label: JazzMa Records

About Mark Turner
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read The Real Blue
The Real Blue
By Jack Bowers
Read City Abstract
City Abstract
By Dan Bilawsky
Read Spectrum
Spectrum
By Mike Jurkovic
Read Munich 2016
Munich 2016
By Karl Ackermann