All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Myra Melford: Alive In The House Of Saints Part 1

Vincenzo Roggero By

Sign in to view read count
Myra Melford: Alive In The House Of Saints Part 1
All'inizio degli anni novanta Myra Melford, Lindsey Horner e Reggie Nicholson piombarono sul mondo del jazz con un piano trio che miscelava come pochi tradizione e modernità, blues e avanguardia, gospel e sofisticata scrittura. Ciò era percepibile già in Jump (1990) e Now & Now (1992) i primi due album in studio per Enemy, ma è con il successivo Alive in the House of Saints, registrato dal vivo per la Hat Hut durante un tour in Germania, che si possono apprezzare appieno e all'ennesima potenza le qualità del trio.

Ora, a distanza di venticinque anni, la benemerita etichetta svizzera ristampa in due CD separati quelle registrazioni aggiungendo quattro brani rispetto all'album originale. Il risultato, almeno per il promo che abbiamo nel lettore, è esaltante. Cinquanta minuti di musica vibrante, senza il minimo cedimento, ricca di sorprese, di pathos, di brillanti intuizioni.

«Evening Might Still» è un inno alla gioia intriso di soul, di gospel, di blues, carico di energia, una cavalcata irresistibile nella quale i tre interagiscono marcando il territorio con la propria personalità -Reggie Nicholson alla batteria è goduria allo stato puro, il contrabbasso di Lindsey Horner è melodioso, scuro di timbro, con un pulsare che ti smuove le budella -per un risultato coeso sorprendente.

«Now & Now 1», il brano più breve, unico sotto i dieci minuti , suona come un allegretto nel quale si rompono gli argini e la musica cerca impazzita possibili vie di fuga. «Between Now and Then» è brano dalle maglie larghe, con ampio spazio ad interventi solistici che suonano come composizioni nella composizione tale è la forza narrativa che possiedono, con un finale latin tinge che è una meraviglia. Ma è con «Parts I & II Frank Lloyd Wright Goes West To Rest » che il trio raggiunge l'apice della propria creatività.

La prima parte è una sofisticata incursione nei territori della libera improvvisazione con la Melford impegnata ad aggredire gli ottantotto tasti del suo pianoforte, sfruttandone l'intera estensione tra furore interpretativo e magistrale controllo delle dinamiche. I conclusivi nove minuti sono invece un meravigliosa esplorazione sui timbri e sui colori in un continuo gioco di sollecitazioni e di impercettibili suggerimenti.

Imperdibile!

CD della settimana

Track Listing

Evening Might Still; Now & Now 1; Between Now & Then; Parts I & II Frank Lloyd Wright Goes West To Rest.

Personnel

Myra Melford: piano; Lindsey Horner: bass; Reggie Nicholson: drums.

Album information

Title: Alive In The House Of Saints Part 1 | Year Released: 2017 | Record Label: Hat Hut Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Waterwheel
Daniel Thatcher
New Leaves
Dan Rose, Claudine Francois
Astonishments
Steve Swell
A Swingin' Sesame Street Celebration
Jazz at Lincoln Center Orchestra with Wynton...
Transformation
Glenn Close/Ted Nash
Special Edition: Procedural Language
Ivo Perelman & Matthew Shipp
Ever Since The World Ended
Lauren White and the Quinn Johnson Trio
Rah! Rah!
Claire Daly

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.