0

Alexander Hawkins

Alexander Hawkins
Paolo Peviani By

Sign in to view read count
Il tratto principale della mia musica
È molto difficile rispondere ma spero che, in qualche modo, il tratto principale della mia musica corrisponda al tratto principale di me stesso.

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
Gioia, apertura, generosità, e che non abbiano paure nel fare musica.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice
Il momento più felice è sempre quello presente. Naturalmente ho bellissimi ricordi specifici di molti concerti, persone, viaggi. Ma nel fare quello che facciamo, passiamo attraverso così tante esperienze meravigliose che non mi sembra possibile, o giusto, confrontarle.

Come musicista, il mio principale difetto
Sicuramente tendevo a suonare troppo: il mio modo di suonare era troppo denso. Sento che questa è una cosa su cui sto migliorando. Naturalmente, sono ancora felice di suonare molte note, fino a quando servono a qualcosa. Ma, per parafrasare un sentimento articolato, credo, da Bill Dixon, se non riesco a suonare qualcosa di più bello del silenzio, non devo necessariamente suonare. Stavo per dire che un altro mio grande difetto è che mi interesso molto di quello che pensa la gente; il pubblico è molto importante per me. Ma non sono così sicuro che questo sia un difetto. Spero che, da un certo punto di vista, possa essere un punto di forza.

La mia più grande paura quando suono
Ora suono senza paura. Naturalmente crescendo c'erano alcune piccole cose che mi rendevano ansioso: eseguire passaggi difficili scritti sulla partitura, per esempio, oppure perdermi in una struttura. Con l'esercizio e l'esperienza diventa più facile evitare questi pericoli, ma detto questo, gli errori possono anche essere un modo per far diventare le cose interessanti. Sicuramente forzano l'improvvisazione!

Sogno di suonare
Non aggiungo nulla, è un'affermazione vera. Sogno di suonare. Certo, ci sono musicisti con cui amo suonare, con cui vorrei suonare, e luoghi in cui vorrei suonare. Mi entusiasmano anche le esperienze musicali di cui non arrivo a sognare, perché non riesco ancora a concepirle.

La mia fonte di ispirazione
Sinceramente, di tutto. Anche se un tempo tendevo ad avere il paraocchi, ora traggo ispirazione anche da cose che non mi piacciono molto, dal pensare al perché non mi sono piaciute, a come avrei potuto tentare di fare le cose in modo diverso.

I miei musicisti preferiti
Troppi per farne un elenco, da troppe tradizioni diverse, per farne un elenco. Ma una lista parziale di coloro che provengono da una "sfera" jazz: Duke Ellington, Art Tatum, Charlie Parker, Sonny Rollins, Elmo Hope, Thelonious Monk, Anthony Braxton, Earl Hines, Louis Moholo-Moholo, Billie Holiday, Wadada Leo Smith, Meade Lux Lewis, Eric Dolphy, Evan Parker, Sun Ra, Baby Face Willette, Grant Green, Teddy Wilson, Lee Morgan, Rex Stewart, John Young, Fletcher Henderson, Coleman Hawkins, Warne Marsh, Von Freeman, Mal Waldron, Ben Webster e molti, molti altri.

I miei dischi da isola deserta
Qualunque cosa in cui ci sia la sessione del 3 luglio 1941 con Rex Stewart e la sua piccola orchestra. Anche gli album di Art Tatum / Ben Webster... e tante altre cose, naturalmente ...

La canzone che fischio sotto la doccia
Haha! Il primo Lied dei Dichterliebe di Schumann. Molti frammenti di Puccini. Diversi frammenti di Bach. "An Oscar for Treadwell." "Dexterity." "You Ain't Gonna Know Me 'Cos You Think You Know Me." Tutte queste cose le canto molto male.

I miei pittori preferiti
Tanti, tra cui L.S. Lowry. Hieronymus Bosch, Joan Miró...

I miei film preferiti
Oh ... "A Qualcuno Piace Caldo" ci deve essere!

I miei scrittori preferiti
Sono ossessionato da "Il Piccolo Principe" di St. Exupéry, e dal "Don Chisciotte" di Cervantes. Oggi ho appena finito di leggere "Splendori e Miserie del Gioco del Calcio" di Eduardo Galeano, e lui è in tutto e per tutto un mago come quelli che dipinge.

La mia occupazione preferita
Fare musica. Se non potessi fare questo, mi piacerebbe vestire la maglia numero 10 del Chelsea.

Il dono di natura che vorrei avere
Beh, provare a suonare bene il piano è già abbastanza difficile...

Nella musica, la cosa che detesto di più
Mi riesce difficile "odiare" qualcosa nella musica. Nel mondo ci sono molte ingiustizie meritevoli di maggiore attenzione. Ma nella musica ci sono cose che possono essere sintomatiche, in scala molto piccola, di problemi più grandi. Tre cose che mi vengono in mente sono la commercializzazione manifesta, l'intolleranza e la macho-glorificazione dell'individuo a spese della collettività

Related Video

Shop

More Articles

Read Frank Woeste My Favourite Things Frank Woeste
by Paolo Peviani
Published: November 8, 2016
Read "Frank Woeste" My Favourite Things Frank Woeste
by Paolo Peviani
Published: November 8, 2016
Read "Randy Newman at the Space in Westbury" Live Reviews Randy Newman at the Space in Westbury
by Mike Perciaccante
Published: April 16, 2016
Read "Enjoy Jazz 2016" Live Reviews Enjoy Jazz 2016
by John Kelman
Published: November 7, 2016
Read "Why Jazz? A Concise Guide" Book Reviews Why Jazz? A Concise Guide
by Douglas Groothuis
Published: June 3, 2016
Read "Del & Dawg at the Ryman Auditorium" Live Reviews Del & Dawg at the Ryman Auditorium
by William Levine
Published: July 9, 2016
Read "Peter Murphy at (le) Poisson Rouge" Live Reviews Peter Murphy at (le) Poisson Rouge
by Mike Perciaccante
Published: May 1, 2016
Read "Charles Lloyd Quartet at Vicar Street" Live Reviews Charles Lloyd Quartet at Vicar Street
by Ian Patterson
Published: November 28, 2016

Post a comment

comments powered by Disqus

Sponsor: DOT TIME RECORDS | BUT IT  

Support our sponsor

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!