All About Jazz

Home » Articoli » Book Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Albert Ayler: Lo spirito e la rivolta

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
di Peter Niklas Wilson

Albert Ayler e la sua musica non sono più un equivoco. Il tempo, che non sempre è galantuomo, ha reso giustizia al sassofonista di Cleveland. Non tanto perché ci fosse bisogno di levarlo dall'ombra; la centralità di Ayler non è mai stata in discussione. Il merito che va riconosciuto al trascorrere degli anni, grazie all'accumularsi di riflessioni e pubblicazioni (imprescindibile Holy Ghost, il cofanetto-monumento edito dalla Revenant), è caso mai quello di aver ricondotto l'improvvisatore-compositore alla sua dimensione storico-musicale. «Sembrerebbe che il modo estremamente brusco con cui Ayler ha voltato le spalle alle convenzioni del jazz tradizionale -argomentava a caldo Ekkehard Jost nel suo Free Jazz -, oltre a quello che egli stesso ha detto e scritto sulla sua musica, abbia viziato la percezione dei suoi critici (favorevoli o meno) rispetto ai fatti musicali». Già, Ayler l'iconoclasta è stato costretto, in maniera bipartisan, a recitare il ruolo di macchietta. Un personaggio senza dettagli e sfumature: sfacciato dilettante o geniale rivoluzionario. Nessuna via di mezzo.

Poi il vento è cambiato. I semi gettati di qua e di là dell'oceano hanno fatto germogliare distese di seguaci (da Peter Brötzmann a Mats Gustafsson, passando per Roscoe Mitchell, David S. Ware, Marc Ribot). E la critica, finalmente, ha aggiustato il tiro. Lo dimostra lo splendido saggio di Peter Niklas Wilson, Albert Ayler -Lo spirito e la rivolta, pubblicato da Ets a inaugurare la collana Sonografie curata da Francesco Martinelli e Antonio Pellicori. Splendido ed efficace nel raccontare la musica, il musicista, l'uomo e il suo tempo.

Biografica la prima parte, con interviste inedite e aneddoti a non finire; analitica la seconda, centrata sulla genesi e sulle tappe dell'evoluzione artistica: dalla formazione al periodo Impulse!, passando per il trio con Gary Peacock e Sunny Murray, il quartetto con Don Cherry e il quintetto. Meticoloso il lavoro di ricerca, preziose le testimonianze di chi ha incrociato i suoi passi, acute le riflessioni sul complicato universo interiore dell'artista. E alla fine, a emergere in maniera semplice, chiara, è soprattutto l'uomo Albert Ayler: le debolezze, le contraddizioni, le quotidiane fatiche, l'ansia religiosa di spingersi sempre al di là e oltre, le angosce, il vortice dei dubbi. Ayler e il tenero rapporto con il fratello Donald, di sei anni più giovane, trombettista limitato eppure miracolosamente calzante; Ayler e la sincera amicizia con l'inseparabile Sunny Murray, dal '62 fino alla brusca rottura all'inizio del '66; Ayler e l'Europa, Copenaghen e il Café Montmartre, Parigi, Londra, Amsterdam; Ayler e Cecil Taylor, quel che è stato e quel che avrebbe potuto essere; Ayler e quel suono pazzesco, totale, da giorno del giudizio, «come il canto di un buco nero» scrisse Amiri Baraka; Ayler e il modo bizzarro e naif di assemblare i gruppi, optando per avvicendamenti e turnazioni all'apparenza inspiegabili (epico il racconto del modo in cui fu arruolato il violinista Michel Samson); Ayler e la relazione con la misteriosa Mary Parks (alias Mary Maria), la Yoko Ono del free jazz, «arrivata dal nulla e scomparsa nel nulla» dopo la morte del sassofonista. Dettagli e particolari che aiutano a capire, a snebbiare.

Certo, qualcosa ancora sfugge. Ma quel qualcosa, probabilmente e per fortuna, sfuggirà per sempre.

Tags

comments powered by Disqus

Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Book Reviews
Album Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Profiles
Film Reviews
Multiple Reviews
Album Reviews
Extended Analysis
Album Reviews
Read more articles

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Book Reviews
Ziga Koritnik: Cloud Arrangers
By Nenad Georgievski
February 3, 2019
Book Reviews
Ricochet: David Bowie 1983
By Nenad Georgievski
February 2, 2019
Book Reviews
Shake Your Hips: The Excello Records Story by Randy Fox
By C. Michael Bailey
February 2, 2019
Book Reviews
Billie Holiday: Lady Sings The Blues
By Ian Patterson
January 16, 2019
Book Reviews
Tracy Fessenden: Religion Around Billie Holiday
By Steve Provizer
January 8, 2019
Book Reviews
Sonny Rollins: Meditating on a Riff
By Steve Provizer
December 31, 2018
Book Reviews
Dexter Gordon: Portrait of a Sophisticated Giant
By Steve Provizer
December 30, 2018