All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Theo Croker: Afro Physicist

Angelo Leonardi By

Sign in to view read count
Theo Croker: Afro Physicist
Nel terreno d'incontro tra neo-bop, soul e fusion, il giovane trombettista e compositore Theo Croker mostra vivo talento e freschezza d'idee. Non è azzardato prevedergli un'imminente luminosa carriera e questo "Afro Physicist"—prodotto da Dee Dee Bridgewater e pubblicato dalla Okeh—si caratterizza come un lavoro fantasioso e maturo.

Nipote di Doc Cheatham, Theo ha iniziato a suonare la tromba giovanissimo sull'esempio del nonno e oggi, giunto alle soglie dei trent'anni, mostra di aver accumulato la giusta esperienza per dire qualcosa di significativo: dopo un eccellente curriculum scolastico all'Oberlin Conservatory sotto l'ala protettrice di Donald Byrd, prime esperienze professionali (con Billy Hart, Marcus Belgrave, Jimmy Heath e Tootie Heath) e un debutto discografico (The Fundamentals), il giovane Theo ha lavorato per alcuni anni a Shanghai progettando il secondo disco (In the Tradition) e ampliando i suoi orizzonti espressivi.

Nel 2009, nella metropoli cinese, ha conosciuto la Bridgewater che è rimasta colpita dal suo talento ed ha voluto produrre questo suo terzo disco, presentandolo con parole entusiaste. In effetti la musica è di forte presa, anche se percorre binari collaudati: Crocker ha uno stile brillante, che ricorda Roy Hargrove e mostra ottime doti di compositore e arrangiatore, padroneggiando con fantasia i molti riferimenti e ingredienti della sua musica (che il trombettista definisce "Dark Funk").

Quasi tutti i brani sono costruiti con eleganza (seducenti gli unisono tromba/flauto) mentre l'incisiva articolazione ritmica e gli efficaci arrangiamenti aggiungono una bella tensione. Theo Crocker è accompagnato dai suoi partner abituali: Sullivan Fortner alle tastiere, Michael Bowie al basso elettrico e acustico, David Gilmore alla chitarra elettrica e Karriem Riggins alla batteria. Nei vari brani troviamo poi una nutrita schiera di ospiti che aggiungono nuove suggestioni: Stefon Harris al vibrafono, Roy Hargrove in veste di cantante, Irwin Hall al sax contralto, Stacy Dillard al tenore e la stessa Dee Dee Bridgewater in piena forma.

Come abbiamo detto un disco fresco e fantasioso che spazia dai classici del jazz ("Moody's Mood for Love") e del soul ("Save Your Love for Me"), tributando un omaggio a Stevie Wonder ("Visions") e aggiungendo molti brani originali.

Track Listing

Alapa; Realize; It's Not You, It's Me (But You Didn't Help); Light Skinned Beauty; Wanting Your Love; Save Your Love for Me; Visions; The Fundamentals; Roy Allan; Moody's Mood for Love; I Can't Help It; Bo Masekela.

Personnel

Theo Croker: tromba; Sullivan Fortner: pianoforte, tastiere, organo hammond; David Gilmore: chitarra el.; Michael Bowie: basso el., contrabbasso; Karriem Riggins: batteria; Luis Quintero: percussioni; Jumaane Smith: tromba; Andrae Murchison: trombone; Irwin Hall: sax alto, flauto; Stacy Dillard: sax tenore; Jason Marshall: sax baritono; Stefon Harris: vibrafono; Dee Dee Bridgewater: voce; China Moses: voce; Roy Hargrove: voce.

Album information

Title: Afro Physicist | Year Released: 2014 | Record Label: Okeh

Post a comment about this album

Listen



Watch

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.