All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Adriano Pedini: Organizzatore di Fano Jazz by the Sea

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Ha raggiunto un quarto di secolo Fano Jazz by the Sea, uno dei festival jazz più importanti sulla costa adriatica italiana. I suoi obiettivi e criteri, le sue peculiarità ambientali e stilistiche, il suo pubblico e i suoi finanziamenti sono i temi principali affrontati in questa intervista da Adriano Pedini, che dell'evento marchigiano preferisce essere considerato "organizzatore" anziché direttore artistico. Le sue risposte entusiastiche, ma anche ricche di spunti e di dettagli specialistici, testimoniano la passione e la professionalità con cui si cala in questo ruolo, che lo occupa durante l'intero arco dell'anno. È anche l'occasione per anticipare alcune novità e alcuni nomi di questa edizione, che si aprirà il 22 luglio nella restaurata Rocca Malatestiana per concludersi il 30 con il concerto gratuito alla Golena del Furlo.

All About Jazz: Adriano, puoi innanzi tutto sintetizzare le esperienze principali della tua formazione musicale?

Adriano Pedini: Il mio interesse per la musica risale alla fine degli anni Sessanta, folgorato da quella che allora era la musica che aveva invaso il pianeta, che si evolveva in modo impressionante e rappresentava chissà quale futuro. Con la batteria, che è stato ed è il mio grande amore, ho iniziato prima a suonare in complessini Beat della mia città, poi in gruppi rock delle Marche. Ma la formazione musicale che mi ha segnato si è sviluppata negli anni Settanta: iscritto al conservatorio "G. Rossini" di Pesaro, dove poi mi sarei diplomato in percussioni, mi ero trasferito a Bologna per frequentare il DAMS, e nello stesso anno, 1973, entrai a far parte di un collettivo musicale in cui la ricerca e la sperimentazione erano di casa.
Bologna in quegli anni era l'ambiente creativo ideale per chi come me aveva sete di conoscenza. Potevi ascoltare nei quartieri l'Art Ensemble Of Chicago, al Palasport Charles Mingus, Don Cherry, Miles Davis, Dizzy Gillespie, al DAMS avevi come professori Umberto Eco, Roberto Leydi, Aldo Clementi, Gianni Celati... C'era l'ascolto di Radio Alice, il movimento, la rivista "Attraverso," gli "indiani metropolitani..." poi venne il marzo '77...
La mia bella esperienza bolognese, a cui devo molto, è ben sintetizzata nel lavoro discografico dell'Orchestra Njervodarov Con le orecchie di Eros, prodotto nel 1979 dalla Emi. Poi con gli anni Ottanta è arrivato il professionismo: ho fatto il turnista in studio, scritto sigle e spot televisivi, sono diventato insegnante di musica, programmatore per la Farfisa, ecc. La musica nella sua accezione più ampia mi ha sempre accompagnato e mi accompagna in ogni attimo della vita.

AAJ: Fano Jazz by the Sea compie venticinque anni. Tu hai tenuto la direzione artistica fin dalla prima edizione? Quale il tuo obiettivo principale?

AP: Innanzitutto preferirei che si usasse il termine più appropriato di "organizzatore." Ritengo che per fregiarsi del termine "direttore artistico" non basti essere nominato, occorre essere messi in condizioni tali da poter espletare le funzioni che sono proprie di questo delicato ruolo: un'adeguata disponibilità economica e tempi di programmazione certi; forse un giorno chissà, ora non è così.
Fatta questa precisazione, la mia nomina a direttore artistico risale al 1995. Nei primi due anni il ruolo è stato di Adriano Mazzoletti: una nomina che suggerii io stesso all'allora Assessore al Turismo, interessato a trovare un nome rappresentativo nell'ambito del jazz nazionale. In quegli anni io ho affiancato Mazzoletti nel coordinamento tecnico e artistico. Dal 1995 ho cercato come obiettivo quello di far diventare il Festival, con tutti i limiti del caso (ambientali ed economici), un progetto culturale in grado di radicarsi e di incidere profondamente nel tessuto sociale del territorio.

AAJ: Mi sembra che negli anni il Festival abbia avuto una prerogativa, un tema ricorrente, quello di riproporre i protagonisti storici della fusion, del rock jazz, del funk. È così?

AP: Potrebbe sembrare, ma non è così. Se si guarda bene alla storia del Festival sotto la mia direzione, si trovano ben visibili le tracce di un festival che prova a rappresentare il caleidoscopico universo jazzistico contemporaneo. Per fare qualche esempio, solo nei primi anni sono passati da Fano Jazz by the Sea Milton Jackson, James Carter, David Sanchez, Martial Solal, Steve Coleman, Phil Woods, Gary Bartz, Benny Golson, McCoy Tyner, Michael Brecker, Bill Frisell, Enrico Rava, l'Art Ensemble of Chicago, Michel Petrucciani, Miroslav Vitous, Chick Corea, Roy Haynes, Dave Holland, Charles Lloyd, Lester Bowie, Carla Bley...
I nostri Festival, che sono obbligatoriamente a pagamento, dovendo fare i conti con la sostenibilità e il contesto culturale sono sottoposti a stress da prestazione, pena la cancellazione. Ecco, allora, che occorre trovare dei compromessi che possano garantire una certa affluenza di pubblico. Perciò, nella nostra programmazione, trovi costantemente anche quei protagonisti riconducibili al jazz rock o al funk in grado di garantirla.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors Interviews
Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors
by Ludovico Granvassu
Published: September 7, 2018
Read Val Wilmer: Dues And Testimony Interviews
Val Wilmer: Dues And Testimony
by Ian Patterson
Published: September 5, 2018
Read Bob James: Piano Player Interviews
Bob James: Piano Player
by R.J. DeLuke
Published: September 3, 2018
Read Ben Wolfe: The Freedom to Create Interviews
Ben Wolfe: The Freedom to Create
by Stephen A. Smith
Published: September 1, 2018
Read Peter Epstein: Effortless Precision Interviews
Peter Epstein: Effortless Precision
by Stephen A. Smith
Published: September 1, 2018
Read Dan Shout: In With a Shout Interviews
Dan Shout: In With a Shout
by Seton Hawkins
Published: August 31, 2018
Read "Roxy Coss: Standing Out" Interviews Roxy Coss: Standing Out
by Paul Rauch
Published: October 22, 2017
Read "Leonardo Pavkovic: Nothing is Ordinary" Interviews Leonardo Pavkovic: Nothing is Ordinary
by Chris M. Slawecki
Published: March 16, 2018
Read "Dave Ledbetter: Diversity and Unity" Interviews Dave Ledbetter: Diversity and Unity
by Seton Hawkins
Published: August 15, 2018
Read "Satoko Fujii: the Gift of Music" Interviews Satoko Fujii: the Gift of Music
by Angelo Leonardi
Published: March 7, 2018
Read "Vuma Levin: Musical Painting" Interviews Vuma Levin: Musical Painting
by Seton Hawkins
Published: May 8, 2018