All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Poline Renou, Matthieu Donarier, Sylvain Lemêtre: Adieu mes très belles

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Rielaborando testi e musiche compresi fra dodicesimo e diciassettesimo secolo (e distribuiti tra Francia, Italia, Irlanda, Cipro, Portogallo e Inghilterra) e aggiungendovi pagine proprie, questo trio, naturale estensione del duo Kindergarten fra Poline Renou e Matthieu Donarier, confeziona un lavoro alquanto inusuale, prezioso ed elegante, che non disdegna l'abbraccio con le istanze della libera improvvisazione, inguainandola in un aplomb arcaico, verrebbe da dire atavico, ancestrale, nel profumo, nelle dinamiche, nel passo (pur con qualche eccezione).

E' Poline Renou, soprano di dichiarata impostazione classica (diplomata a Lione, è anche pianista), l'esperta di settore (nel senso di musica antica), ma i due compagni l'assecondano (termine peraltro riduttivo) con assoluta naturalezza, pur se gli episodi generati ex novo trasudano un senso di contemporaneità palpabile quanto felicemente complementare al resto.

Ogni brano ha in qualche misura il sapore del bozzetto (anche proprio per durata, ma non solo), di un'entità inserita in un tutto che non persegue necessariamente l'omogeneità, quanto piuttosto un equilibrio complessivo coglibile su un arco più ampio, disteso. Da ascoltare, quindi, senza star troppo a consultare (semmai a posteriori, questo sì) titoli e autori in copertina, procedimento che potrebbe fuorviare, incasellare la fruizione entro parametri che verosimilmente i tre musicisti preferiscono eludere.

Scevri da steccati o preconcetti potrete godere di quanto vi arriva, magari più di testa che di pancia, sorvolando anche su qualche passaggio un po' estenuato, al limite autocompiaciuto. Quisquiglie, del resto, come avrebbe decretato il grande Totò, entro un lavoro di sicuro spessore.

Track Listing: Adieu mes très belles; La toute petite tribu du début; Cormacus scripsit; Le temple d'on ne sait où; Ohime; Toutes mes joyes; Hodie puer nascitur; Mulandah Kolthadi; Heu me domine; L'icône tout à coup sourit; Inventaire des espèces connues; Maid in the Moor Lay; Ce bel œil; Se tanto amate.

Personnel: Poline Renou: voice; Matthieu Donarier: clarinet; Sylvain Lemêtre: percussion.

Title: Adieu mes très belles | Year Released: 2018 | Record Label: Yolk Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Read more articles
Live Forms

Live Forms

Yolk Records
2009

buy
 

Byzantinum

BMC Music
2008

buy
 

Psyché

BMC Music
2007

buy
 

Optictopic

Yolk Records
2004

buy

Related Articles

Read Shafted Album Reviews
Shafted
By Edward Blanco
July 17, 2019
Read Live at the Bird’s Eye Jazz Club Album Reviews
Live at the Bird’s Eye Jazz Club
By Don Phipps
July 17, 2019
Read New Year Album Reviews
New Year
By Dan Bilawsky
July 17, 2019
Read Confluence Album Reviews
Confluence
By Karl Ackermann
July 17, 2019
Read Confluence Album Reviews
Confluence
By Dan McClenaghan
July 16, 2019
Read Movimenti Album Reviews
Movimenti
By Geno Thackara
July 16, 2019
Read A New Home Album Reviews
A New Home
By Mark Corroto
July 16, 2019