All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

Samuel Blaser Consort in Motion: A Mirror to Machaut

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il giovane trombonista Samuel Blaser (svizzero, a lungo a New York, oggi di stanza a Berlino) ripresenta in forma rinnovata il suo Consort in Motion, con il quale assieme a Paul Motian nel 2011 aveva rielaborato musiche di Monteverdi, Frescobaldi e Biagio Marini. Adesso, con un organico diverso (ovviamente manca purtroppo Motian) e ampliato grazie all'ingresso del belga Joachim Badenhorst alle ance, affronta in modo analogo la musica di Guillame de Machaut (1300-1377) e Guillaume Dufay (1397-1474).

Il recupero e la rilettura in chiave jazzistica e improvvisativa della musica medioevale e rinascimentale non è una cosa così infrequente, e in Italia ben lo sappiamo grazie al pregevole lavoro di Gianluigi Trovesi. Si tratta comunque sempre di operazioni non esenti da rischi, perché facili a scivolare nel banale o concludersi con esiti che facciano rimpiangere gli originali. Non è il caso di questo CD, nel quale Blaser opera in modo assai sofisticato e diversificato sul materiale di partenza.

In programma troviamo sette brani originali, ispirati da frammenti di opere dei due compositori antichi, e quattro pezzi di Machaut, riarrangiati e suonati in modo non convenzionale. Entrambe le tipologie sono sviluppate in modi anche assai diversi tra loro, così da far risaltare alcuni aspetti caratteristici delle musiche antiche e da favorire l'improvvisazione.

Ad esempio, "Color" parte da un brano di Dufay e ne riespone la melodia, ma la estende su spazi larghi e la trasfigura attraverso l'ampio intervento del Fender; "Cantus planus" parte ancora da un brano di Dufay, ma è un rarefatto brano per il solo piano di Russ Lossing; "Saltarello" prende spunto da una composizione di Machaut, ma ne cambia ritmi e moltiplica le linee; "Dame, se vous m'estes lointeinne" riaarrangia l'originale di Machaut con ampio uso di percussioni. E nel pezzo forse più coinvolgente del CD, "Introit," un movimento della "Messa di Notre Dame" di Machaut - una delle grandi composizioni sacre vocali, originariamente per 4 voci maschili - si trasforma in una lenta narrazione espressiva, di sapore blues. Insomma, la musica antica rimane sempre percepibile in filigrana, ma il sound generale è molto contemporaneo e l'aspetto improvvisativo domina.

In un lavoro fondamentalmente di gruppo, tutti i singoli non mancano di farsi apprezzare. In particolare, accanto al leader, brillano il pianoforte di Lossing (unico reduce del precedente quartetto) e i clarinetti di Badenhorst, ma anche Drew Gress ha modo di mettersi in luce sia al pizzicato ("Linea") che all'archetto ("Bohemia").

Track Listing: Hymn; Douce dame jolie; Saltarello; Dame, se vous m estes lointeinne; Color; Cantus Planus; De fortune me doiy pleindre et loer; Bohemia; Linea; Introit; Complainte: Tels rit au main qui au soir pleure.

Personnel: Samuel Blaser: trombone; Joachim Badenhorst: tenor saxophone, bass clarinet, clarinet; Russ Lossing: piano, Rhodes, Wurlitzer; Drew Gress: double bass; Gerry Hemingway: drums, percussion.

Title: A Mirror to Machaut | Year Released: 2013 | Record Label: Songlines Recordings

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Blencathra
Blencathra
By Jack Bowers
Read So Many Stars
So Many Stars
By C. Michael Bailey
Read Knots
Knots
By Glenn Astarita
Read Peaceful
Peaceful
By Mark Sullivan
Read Live in Nuremberg
Live in Nuremberg
By Hrayr Attarian
Read Diversity
Diversity
By Ian Patterson
Read Waves
Waves
By Don Phipps