All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

A dialogo con Silvia Bolognesi

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Silvia Bolognesi, contrabbassista, compositrice e band leader senese, è tra le più interessanti personalità del jazz italiano. Recentemente ha inoltre ricevuto un riconoscimento internazionale tanto lusinghiero, quanto meritato: la chiamata di Roscoe Mitchell per entrare a far parte del sestetto da lui formato per un progetto in onore di John Coltrane, del quale ricorre quest'anno il cinquantenario della scomparsa. L'abbiamo incontrata per fare il punto della sua brillante attività artistica.

All About Jazz Italia: È il terzo anno che a Pisa viene organizzato un evento interamente dedicato alla tua etichetta discografica, Fonterossa Records, che è come dire dedicato a te. Com'è nata l'iniziativa e come la stai vivendo, visto che la cosa continua con successo?

Silvia Bolognesi: Penso che certe cose, nella vita, accadano quasi senza cercarle o volerle. Fonterossa, e l'evento pisano a lei dedicato, appartengono a questo genere di cose: è come se fossero nate in modo "naturale," per poi svilupparsi da sole. Fonterossa Records è il risultato di una mia esigenza personale: visto che presso le etichette esistenti, specie italiane, non trovavo il giusto interesse per i miei lavori, ho deciso di autoprodurmi. Realizzando il primo titolo mi sono resa conto che l'autoproduzione era una prassi attraverso la quale potevo seguire con cura tutti i passaggi, molto impegnativa in termini di energie ma anche esaltante e, alla fine, perfino più economica.

Così ho deciso di continuare, producendo sotto il nome Fonterossa anche i lavori di alcuni amici dei quali apprezzavo la musica e che avevano le medesime mie difficoltà -o coproducendo, perché non sempre sono produttrice unica, come nel caso di L'uomo poco distante dell'Ottetto di Tony Cattano o di Desmadre di Marco Colonna e Augusti Fernandez. In questo modo, invece di fare ciascuno la propria autoproduzione, ci siamo messi tutti sotto il medesimo nome, uniti comunque da preferenze artistiche, ascolti, continue frequentazioni e collaborazioni. E poiché stare assieme è importante e fa stare bene, è poi nata anche la giornata pisana. La quale, peraltro, esiste solo grazie a Francesco Mariotti: è stato lui, persona fantastica sempre così attenta al territorio, a raccogliere subito entusiasticamente la mia prima idea di presentare le proposte e i dischi dei musicisti che gravitavano attorno a Fonterossa. E, quest'anno, è stato ancor più entusiasta dell'idea di porre al centro della giornata un laboratorio didattico qual è l'Open Orchestra, perché questo permetteva di far vivere tutto l'anno un'attività condivisa di pratica e studio. Attività che è stata anche particolarmente complessa, perché il progetto era dedicato alle partiture non convenzionali e pertanto ha visto la partecipazione anche dei musicisti che svolgevano il ruolo di compositori e direttori.

Io, che sono sempre stata una grande appassionata dei lavori in gruppo perché mi piace stare in compagnia e collaborare, mi sono trovata a meraviglia con Francesco nell'organizzare questi eventi. Che poi, alla fine, sono una festa prima ancora che un evento artistico e che a ben guardare vedono sempre una partecipazione più ampia rispetto ai musicisti dell'"area" Fonterossa.

AAJ: Sette ore di musica, cinque concerti, due locations, circa cinquanta musicisti: organizzare non dev'essere semplice...

SB: Faticosissimo, ma è anche una grandissima gioia!

AAJ: La rassegna ha vissuto un'interessante evoluzione: la prima edizione ha presentato l'etichetta e i musicisti che la animano; la seconda ha visto un ampliamento, in particolare grazie alla tua conduction in memoria di Lawrence D. “Butch” Morris, con la partecipazione di parecchi musicisti esterni a Fonterossa; quest'anno, infine, c'è stato un ulteriore allargamento delle partecipazioni, grazie alla presenza degli allievi dei laboratori, quelli di Open Orchestra e di Conga Lab di Simone Padovani. Tra l'altro, spesso non professionisti.

SB: In realtà, mescolato tra gli altri, qualche professionista c'era: per esempio Michela Lombardi, Emiliano Nigi ed Elisabetta Maulo alle voci; Massimiliano Furia, Nicola Perfetti e Federico Gerini che hanno un trio stabile molto attivo, oof3; poi Carlotta Vettori al flauto, Mirco Ballabene al contrabbasso, Filippo Ceccarini alla tromba, Mauro Rolfini al clarinetto basso, oltre qualche giovane che sta venendo fuori adesso come il nostro vice direttore Tobia Bondesan. E comunque il livello era davvero alto, perché anche quelli meno noti hanno avuto esperienze lavorative in ambito jazz o sono allievi di corsi e laboratori di ricerca. Ma la cosa più bella di quest'orchestra è che fin dal primo giorno i musicisti hanno costruito un grande affiatamento: un gruppo di lavoro straordinario che ci ha dato molta soddisfazione, perché per me per comporre/creare la musica sono necessarie l'attenzione e lo studio, ma anche il legame umano e la condivisione.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Interviews
Moers Festival Interviews: Anguish
By Martin Longley
May 11, 2019
Interviews
Catherine Farhi: Finding Home in the New Morning
By Alexander Durie
May 1, 2019
Interviews
Denny Zeitlin: Balancing Act
By Ken Dryden
April 29, 2019
Interviews
Carlo Mombelli: Angels and Demons
By Seton Hawkins
April 22, 2019
Interviews
Anoushka Shankar: Music Makes the World a Better Place
By Nenad Georgievski
April 17, 2019
Interviews
Dorothy & George Jacob: Putting Bray On The Jazz Map
By Ian Patterson
April 16, 2019