All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

2

A dialogo con Alessandro Galati

A dialogo con Alessandro Galati
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Alessandro Galati è un pianista fiorentino che può vantare una carriera estremamente ricca di esperienze in direzioni anche molto diverse -come testimoniato dai nomi di alcuni dei più noti musicisti con cui ha collaborato in modo continuativo: Kenny Wheeler, Arild Andersen, Dave Liebman.

Oggi è possibile racchiudere idealmente la sua esperienza artistica nel ventennio trascorso tra il suo disco d'esordio, Traction Avant (Via Veneto, 1995), lavoro al tempo assai apprezzato e ancor oggi assolutamente attuale, e il recente Seals (Via Veneto, 2014), fresco vincitore del premio della rivista giapponese Jazz Critique come "2014 Best Instrumental Album," ovvero disco dell'anno dell'intero jazz mondiale. Siamo andati a trovarlo per conoscere meglio le sue esperienze e il pensiero che ispira la sua musica.

All About Jazz Italia: Comincerei da lontano: vent'anni fa uscì il tuo primo CD, Traction Avant, con Palle Danielsson e Peter Erskine. Eri giovanissimo e molto promettente, ma poi di te si sono almeno in parte perse le tracce, nel senso che pur lavorando e collaborando con musicisti di primo piano sei scomparso dalla ribalta. Oggi esci con un disco per tanti aspetti affine a quello di allora e che finalmente torna metterti in luce. Cosa c'è stato in mezzo, come si uniscono queste due tue produzioni lontane vent'anni tra loro?

Alessandro Galati: Si tratta di due lavori in trio, una formazione che amo molto, ed entrambi fotografano abbastanza bene quella che è la mia personale visione del piano trio, sia dal punto di vista degli equilibri interni della formazione, sia dal punto di vista compositivo. Mi riconosco molto in entrambi gli album, perché credo di essere riuscito a dire delle cose che mi premono. In particolare, tutti e due i lavori sono attraversati dall'idea che la melodia possa essere il motore principale che muove tutte le cose che poi fanno parte della musica di una formazione come questa.
Quando ho registrato Traction Avant avevo venticinque anni: ho messo dentro a quel disco tutto quello che davvero avevo cercato e trovato dentro di me. Con l'idealismo e l'ingenuità della gioventù. Oggi, vent'anni più tardi e con tutto il lavoro che c'è stato nel mezzo, credo di essere riuscito a fare un'operazione dello stesso genere: buttando via tutte le preoccupazioni, tutta la voglia di dimostrare qualcosa, ogni timore di essere giudicato, attraverso un'operazione di pulizia mentale, ho provato a essere me stesso con sincerità.
Ecco, il trait d'union dei due lavori è proprio questo: la voglia di esprimere completamente, anche in maniera un po' ingenua, ciò che c'è in me di più puro. Cosa che magari non sempre ho fatto nella mia vita! Perché talvolta ho voluto mettermi in gioco in cose che non mi appartenevano più di tanto, imparandone alcuni aspetti e integrandoli nel mio bagaglio. In questi due lavori no: entrambi sono pervasi da questa voglia di esprimere fino in fondo ciò che considero importante in un'opera d'arte.
È anche vero che in questi vent'anni sono ovviamente successe un sacco di cose nella mia vita: viaggi, esperienze, fidanzate e tanto altro. E che quello che è rimasto di più puro si è concretizzato dentro di me: oggi penso di essere una persona diversa e anche un pianista migliore, più sicuro del mio modo di esprimermi -e credo e spero che questo si senta nel disco. Così come spero si senta che si tratta di un lavoro attuale, che guarda all'oggi e non al passato.

AAJI: Da questo punto di vista devo dire che mi hanno colpito particolarmente gli standard. Quel che è interessante è che si fatica a riconoscerli e questo non perché siano "mascherati," ma per la modalità espressiva molto originale con cui li suoni.

Tags

Related Video

comments powered by Disqus

CD/LP/Track Review
Live Reviews
Interviews
CD/LP/Track Review
Read more articles
Wheeler Variations

Wheeler Variations

Something Cool
2017

buy
Cold Sand

Cold Sand

atelier sawano
2017

buy
On A Sunny Day

On A Sunny Day

Via Veneto Jazz
2016

buy
Seals

Seals

Via Veneto Jazz
2015

buy
 

G Plays G

Jazz Fusion Producciones
2010

buy

Related Articles

Read Maria Schneider: On the Road Again Interviews
Maria Schneider: On the Road Again
by Mark Robbins
Published: October 14, 2018
Read Alan Broadbent: Intimate Reflections on a Passion for Jazz Interviews
Alan Broadbent: Intimate Reflections on a Passion for Jazz
by Victor L. Schermer
Published: October 12, 2018
Read Stefon Harris: Pursuing the Tradition Interviews
Stefon Harris: Pursuing the Tradition
by R.J. DeLuke
Published: October 5, 2018
Read Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors Interviews
Randy Weston: The Spirit of Our Ancestors
by Ludovico Granvassu
Published: September 7, 2018
Read Val Wilmer: Dues And Testimony Interviews
Val Wilmer: Dues And Testimony
by Ian Patterson
Published: September 5, 2018
Read Bob James: Piano Player Interviews
Bob James: Piano Player
by R.J. DeLuke
Published: September 3, 2018
Read "Nels and Alex Cline: 50 Years in the Making" Interviews Nels and Alex Cline: 50 Years in the Making
by Jonathan Manning
Published: January 25, 2018
Read "Bob James: Piano Player" Interviews Bob James: Piano Player
by R.J. DeLuke
Published: September 3, 2018
Read "Tomas Fujiwara: The More the Better" Interviews Tomas Fujiwara: The More the Better
by Troy Dostert
Published: November 6, 2017
Read "George Wein: A Life and Legend in Jazz" Interviews George Wein: A Life and Legend in Jazz
by Doug Hall
Published: July 19, 2018
Read "Dave Ledbetter: Diversity and Unity" Interviews Dave Ledbetter: Diversity and Unity
by Seton Hawkins
Published: August 15, 2018