All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

2

A dialogo con Alessandro Galati

A dialogo con Alessandro Galati
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Alessandro Galati è un pianista fiorentino che può vantare una carriera estremamente ricca di esperienze in direzioni anche molto diverse -come testimoniato dai nomi di alcuni dei più noti musicisti con cui ha collaborato in modo continuativo: Kenny Wheeler, Arild Andersen, Dave Liebman.

Oggi è possibile racchiudere idealmente la sua esperienza artistica nel ventennio trascorso tra il suo disco d'esordio, Traction Avant (Via Veneto, 1995), lavoro al tempo assai apprezzato e ancor oggi assolutamente attuale, e il recente Seals (Via Veneto, 2014), fresco vincitore del premio della rivista giapponese Jazz Critique come "2014 Best Instrumental Album," ovvero disco dell'anno dell'intero jazz mondiale. Siamo andati a trovarlo per conoscere meglio le sue esperienze e il pensiero che ispira la sua musica.

All About Jazz Italia: Comincerei da lontano: vent'anni fa uscì il tuo primo CD, Traction Avant, con Palle Danielsson e Peter Erskine. Eri giovanissimo e molto promettente, ma poi di te si sono almeno in parte perse le tracce, nel senso che pur lavorando e collaborando con musicisti di primo piano sei scomparso dalla ribalta. Oggi esci con un disco per tanti aspetti affine a quello di allora e che finalmente torna metterti in luce. Cosa c'è stato in mezzo, come si uniscono queste due tue produzioni lontane vent'anni tra loro?

Alessandro Galati: Si tratta di due lavori in trio, una formazione che amo molto, ed entrambi fotografano abbastanza bene quella che è la mia personale visione del piano trio, sia dal punto di vista degli equilibri interni della formazione, sia dal punto di vista compositivo. Mi riconosco molto in entrambi gli album, perché credo di essere riuscito a dire delle cose che mi premono. In particolare, tutti e due i lavori sono attraversati dall'idea che la melodia possa essere il motore principale che muove tutte le cose che poi fanno parte della musica di una formazione come questa.
Quando ho registrato Traction Avant avevo venticinque anni: ho messo dentro a quel disco tutto quello che davvero avevo cercato e trovato dentro di me. Con l'idealismo e l'ingenuità della gioventù. Oggi, vent'anni più tardi e con tutto il lavoro che c'è stato nel mezzo, credo di essere riuscito a fare un'operazione dello stesso genere: buttando via tutte le preoccupazioni, tutta la voglia di dimostrare qualcosa, ogni timore di essere giudicato, attraverso un'operazione di pulizia mentale, ho provato a essere me stesso con sincerità.
Ecco, il trait d'union dei due lavori è proprio questo: la voglia di esprimere completamente, anche in maniera un po' ingenua, ciò che c'è in me di più puro. Cosa che magari non sempre ho fatto nella mia vita! Perché talvolta ho voluto mettermi in gioco in cose che non mi appartenevano più di tanto, imparandone alcuni aspetti e integrandoli nel mio bagaglio. In questi due lavori no: entrambi sono pervasi da questa voglia di esprimere fino in fondo ciò che considero importante in un'opera d'arte.
È anche vero che in questi vent'anni sono ovviamente successe un sacco di cose nella mia vita: viaggi, esperienze, fidanzate e tanto altro. E che quello che è rimasto di più puro si è concretizzato dentro di me: oggi penso di essere una persona diversa e anche un pianista migliore, più sicuro del mio modo di esprimermi -e credo e spero che questo si senta nel disco. Così come spero si senta che si tratta di un lavoro attuale, che guarda all'oggi e non al passato.

AAJI: Da questo punto di vista devo dire che mi hanno colpito particolarmente gli standard. Quel che è interessante è che si fatica a riconoscerli e questo non perché siano "mascherati," ma per la modalità espressiva molto originale con cui li suoni.

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Album Reviews
Live Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Wheeler Variations

Wheeler Variations

Something Cool
2017

buy
Cold Sand

Cold Sand

atelier sawano
2017

buy
On A Sunny Day

On A Sunny Day

Via Veneto Jazz
2016

buy
Seals

Seals

Via Veneto Jazz
2015

buy
 

G Plays G

Jazz Fusion Producciones
2010

buy

Shop

Start your shopping here and you'll support All About Jazz in the process. Learn how.

Related Articles

Interviews
David Crosby: A Revitalized Creativity
By Mike Jacobs
January 22, 2019
Interviews
Chuck Deardorf: Hanging On To The Groove
By Paul Rauch
January 19, 2019
Interviews
Satoko Fujii: The Kanreki Project
By Franz A. Matzner
January 9, 2019
Interviews
Ted Rosenthal: Dear Erich, A Jazz Opera
By Ken Dryden
January 7, 2019
Interviews
Jeremy Rose: on new music, collaborations and running a label
By Friedrich Kunzmann
January 6, 2019
Interviews
Ronan Skillen: Telepathic Euphoria
By Seton Hawkins
January 5, 2019