All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

1

John Hollenbeck: A Blessing

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
L'aspetto di A Blessing che più colpisce al primo ascolto è il lungo snodarsi delle linee melodiche, lontano dalla stringatezza percussiva tipica del jazz per big band. I suoi temi avvolgono ipnotici, quasi minimalisti, costruiti su cellule che sviluppano lente e inesorabili, affidate a insiemi strumentali tipici della scrittura di Gil Evans e altri arrangiatori bianchi come Bob Graettinger o Bob Brookmeyer (col quale da tempo Hollenbeck collabora). L'impiego della voce di Theo Bleckmann, come elemento interno alla tessitura orchestrale, rimanda al lavoro di Norma Winstone con Kenny Wheeler e in più momenti emerge il ricordo di Music for Large and Small Ensembles.

L'originalità della concezione di John Hollenbeck è ben tradotta dal nome dato all'organico del CD: Large Ensemble, un assieme di voci distribuite per relazioni timbriche e non per famiglie strumentali. Le sezioni spesso si disintegrano in una ricerca di colore che porta alla sperimentazione (ad es. l'impiego dell'arco del contrabbasso sul vibrafono), con qualche elemento del free chicagoano, evidente in “RAM”, omaggio a Muhal Richard Abrams. “Folkmoot” è un tributo a Marian McPartland e Jimmy Giuffre, qui impersonati da Gary Versace e Chris Speed, da tempo al fianco di Hollenbeck nel Claudia Quintet.

La visione spirituale del compositore emerge soprattutto in “A Blessing” e nel conclusivo “The Music of Life”, con la voce di Theo Blackmann impegnata nei testi di un inno funebre irlandese e di una poesia di Hazrat Inayat Khan.

L'organico si presta a una scrittura complessa, che richiede estrema attenzione alle dinamiche e porta fuori dagli schemi consolidati del canone jazzistico. L'esecuzione è brillante tanto sul piano dell'assieme, quanto delle improvvisazioni. Ne sono garanti musicisti come quelli già citati e altri fra i quali Kermit Driscoll al contrabbasso e Ben Koto alle ance. La sezione trombe è davvero particolare, con la presenza di Dave Ballou, nuova voce del jazz contemporaneo, affiancato da Tony Kadleck, veterano di Broadway, e Laurie Frink, insigne didatta di fama mondiale.

Non sappiamo chi dei trombonisti esegua l'assolo su “Abstinence” ed è un peccato per la bellezza delle idee e il controllo dello strumento. Il brano in questione è anche uno dei più convincenti del disco, una lunga cavalcata epica, con tracce aliene di Sun Ra.

Dopo un paio di ascolti di “A Blessing” appare chiaro come mai Brookmeyer sia un grande ammiratore della scrittura di Hollenbeck e perché Meredith Monk lo ritenga un collaboratore essenziale.

Track Listing: 01. A Blessing - 16:00; 02. Folkmoot - 7:24; 03. RAM - 8:11; 04. Weiji - 5:53; 05. Abstinence - 12:11; 06. April in Reggae - 7:20; 07. The Music of Life - 5:28; Tutti i brani composti da John Hollenbeck

Personnel: Ben Koto; Chris Speed; Tom Christensen; Dan Willis; Alan Won (ance); Rob Hudson; Kurtis Pivert; Jacob Garchik: Alan Ferber (trombone); Jon Owens; Tony Kadleck; Dave Ballou; Laurie Frink (tromba); Kermit Driscoll (contrabbasso); John Hollenbeck (batteria); Gary Versace (pianoforte); Matt Moran (percussioni); Theo Bleckmann (voce).

Title: A Blessing | Year Released: 2008 | Record Label: OmniTone

About Chris Speed
Articles | Calendar | Discography | Photos | More...

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related

Read Never More Here
Never More Here
By Dan McClenaghan
Read Lanzarote
Lanzarote
By Gareth Thompson
Read Strong Thing
Strong Thing
By Geannine Reid
Read Ocean in a Drop
Ocean in a Drop
By Geno Thackara