All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Jozef Dumoulin: A Beginner's Guide To Diving And Flying

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
Il pianista belga quarantatreenne Jozef Dumoulin, che abbiamo imparato ad apprezzare al fianco di Ellery Eskelin, Dan Weiss, Nate Wooley e in duo pianistico con Benoit Delbecq, presenta con questo organico Orca Noise Unit la propria formazione con musicisti francesi, dove spicca la presenza del contrabbassista BrunoChevillon. I brani di The Beginner's Guide to Diving and Flying sono firmati collettivamente dal quintetto coinvolto, dunque basati in larga parte sull'improvvisazione, o meglio su una composizione in tempo reale, al contrario di quanto si proponeva il pianista, che in un primo momento aveva iniziato a comporre in modo dettagliato alcune parti del materiale per il gruppo.

La scelta di affidare la musica all'apporto di tutti i musicisti si spiega con evidenza all'ascolto del CD: nella musica che si dipana spesso in tempo largo, con ampi spazi ai silenzi, c'è il contributo di una forte empatia. Gli impasti saldi e mimetici creati dalle ance (clarinetti e sax alto) di Antonin-Tri Hoang e dai flauti di Sylvaine Hélary si muovono sinuosi con effetti orientali, sia nel tessuto sontuoso che nelle scale e negli intervalli usati. Negli intrecci con gli altri strumenti, il contrabbasso di Chevillon, le percussioni di Toma Gouband, il pianoforte e le percussioni di Dumoulin, si accentua una modalità ieratica, sospesa, che rimanda ancora con intensità all'Oriente.

Lo stesso nome dato al gruppo offre una chiave di lettura: Orca Noise Unit è l'anagramma di «Oneironautics», vale a dire la pratica di essere sveglio nei propri sogni. Atteggiamento che se da un lato rimanda a pratiche orientali, dall'altro ha una forte connessione con l'improvvisazione, con i suoi richiami all'attenzione nei confronti di quanto emerga dalle profondità dell'inconscio e nel contempo alla considerazione accurata di quanto gli altri musicisti stanno facendo.

Oriente e musica accademica contemporanea si intrecciano, ma resta la fluidità del jazz, il senso avventuroso dell'improvvisazione di natura jazzistica, a tenere saldamente le redini dell'accadere musicale. In tal senso, «Second Room», «Something About a Horse» e «The Bristlecone Pine» sono emblematici. Notiamo tra l'altro il gustoso gioco linguistico e di senso creato da tanti titoli, tra cui citiamo, oltre a quelli già detti, «The Other Side of the Month», che chiaramente censura i pingui Pink Floyd del periodo «The Dark Side of the Moon», facendo piuttosto l'occhiolino opportuno al grande Syd Barrett.

È musica tutta da assaporare e centellinare: brani spesso molto brevi, con un paio di aforismi sotto il minuto degni di Webern, con un equilibrio timbrico ed espressivo di alto grado, ma sempre in procinto di scivolare e di spezzarsi in frammenti che vanno a tracciare altre direzioni. Prova notevole davvero.

CD della settimana

Track Listing: As Above, So Below; The Garden; Imagined Rotation; The Hand; Second Room; Little Lemon; Mild; Peering and Palpation; Breathing Under Water; The Bristlecone Pine; The Other Side of the Month; Something About a Horse; Little Flower Expanding; Acknowledgements; As Below, So Above.

Personnel: Antonin-Tri Hoang: alto sax, clarinet, bass Clarinet, percussion; Sylvaine Hélary: flutes; Jozef Dumoulin: piano, percussion; Bruno Chevillon: double bass; Toma Gouband: percussion.

Title: A Beginner's Guide To Diving And Flying | Year Released: 2018 | Record Label: Yolk Records

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
My Favourite Things
Album Reviews
Read more articles
Live in Neerpelt

Live in Neerpelt

El Negocito Records
2018

buy
Trust

Trust

Yolk Records
2015

buy

Related Articles

Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By Karl Ackermann
May 22, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Dan Bilawsky
May 22, 2019
Read Infinite Itinerant Album Reviews
Infinite Itinerant
By Geno Thackara
May 22, 2019
Read Pulcino Album Reviews
Pulcino
By Nicholas F. Mondello
May 22, 2019
Read Hastings Jazz Collective/Shadow Dances Album Reviews
Hastings Jazz Collective/Shadow Dances
By Dan McClenaghan
May 21, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Nicholas F. Mondello
May 21, 2019
Read That's a Computer Album Reviews
That's a Computer
By Jerome Wilson
May 21, 2019