All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Matthias Schubert: 9 Compositions for the Multiple Joy[ce] Ensemble

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Matthias Schubert: 9 Compositions for the Multiple Joy[ce] Ensemble
Il tenorsassofonista tedesco Matthias Schubert, una trentina d'anni fa tra le maggiori promesse del jazz europeo (e come tale inserito in formazioni che in qualche modo ratificavano tale status), strada facendo—in realtà uscendo spesso e volentieri dal nostro cono di luce—si è avvicinato alla composizione pura, con risultati che questo CD, inciso a Colonia nel dicembre 2012, ci dice assolutamente invidiabili.

Le nove pagine di sua penna che compongono il disco mantengono anzitutto un carattere conchiuso e coerente, pur non rimestando—per nostra fortuna—sempre nello stesso paiolo. Ci sono dediche ai singoli musicisti coinvolti (si confrontino titoli e nomi) e a "esterni" (Ellington e Boulez, Messiaen e Cage, Braxton e Frith, ecc.), il che non impedisce al lavoro di conservare nella sostanza un tono eminentemente corale, collettivo (da menzionare, pur tuttavia, almeno gli exploit solistici di Frank Gratkowski, Axel Lindner e Angelika Sheridan), dove l'aspetto timbrico e quello dinamico, di regola mirabilmente complementari, la fanno legittimamente da padroni.

A voler trovare agganci con colleghi jazzisti che si siano avvicinati con altrettanta competenza e concretezza ispirativa all'universo cameristico-contemporaneo, il primo nome da fare è—ça va sans dire—quello di Anthony Braxton, al limite certi remoti esperimenti di John Lindberg (a loro volta di marca braxtoniana, del resto) ben più, per esempio, che le più recenti conductions di un Butch Morris. La poetica di Schubert presenta d'altra parte caratteri assolutamente personali (per esempio un modo tutto suo di alternare sequenze piane, persino sottotraccia, e più o meno perentorie impennate). E poi già la scelta dello strumentario è quasi sempre un sintomo di ciò che l'autore cerca e—quando gli va bene, come qui—trova.

Un gran bel disco, quindi, circa il quale resta da sottolineare, per chiudere, la vivezza e la bella matericità della copertina, opera di Marcel Boucher.

Track Listing

Conlon Zoubeck; Moose; Anthonykowski; Duke Muche; Frith Fields; Boulevinsky; Ende der Zeit; Akkordstudie; John Müller.

Personnel

Udo Moll: tromba; Holger Werner: clarinetto; Matthias Muche: trombone; Frank Gratkowski: sax alto; Angelika Sheridan: flauto; Karl Ludwig Hübsch: tuba; Phillip Zoubeck: pianoforte; Scott Fields: chitarra; Axel Lindner: violino; Elisabeth Fügemann: violoncello; Sebastian Gramss: contrabbasso; Matthias Schubert: conduzione.

Album information

Title: 9 Compositions for the Multiple Joy[ce] Ensemble | Year Released: 2014 | Record Label: Red Toucan Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Secret Suite
Nick Lombardelli
The One And The Other
Lara Solnicki
Flatbosc & Cautery
Frank Gratkowski, Achim Kaufmann, Wilbert de...
Shuffling Ivories
Roberto Magris
Kinetic
Steven Feifke Big Band
Sogni D’oro
Berlin Mallet Group
Light as a Word
Remy Le Boeuf
Love is the Key
Sue Maskaleris

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.