Support All About Jazz

All About Jazz needs your help and we have a deal. Pay $20 and we'll hide those six pesky Google ads that appear on every page, plus this box and the slideout box on the right for a full year! You'll also fund website expansion.


I want to help
2

Paolo Fresu Quintet: ¡30!

Giuseppe Segala By

Sign in to view read count
Paolo Fresu Quintet: ¡30! Trent'anni di attività sono davvero un bel traguardo e il quintetto di Paolo Fresu condivide questa longevità in Europa forse solo con il trio dell'illustre pianista Alexander von Schlippenbach, che ha doppiato ormai abbondantemente la tappa dei quarant'anni. Il motore del quintetto di Fresu è perfettamente lubrificato, come è apparso anche dal vivo nelle date che precedevano di poco la registrazione di questo disco.

Il lavoro è sobrio e accattivante, curato nei dettagli: forse un tantino levigato, al punto che riflette solo in parte la forza prodotta dal vivo. Ma questa è cosa risaputa da chiunque segua il jazz, in modo particolare quando si mettono in campo personalità abituate a reagire in modo ottimale nel contatto sul palco, con scambi di energia che si traducono in emozione, qualità, intensità espressiva. In studio non è la stessa cosa. Non sempre.

Detto questo, annotiamo che il quintetto mantiene anche dopo tanto tempo freschezza e concentrazione creativa, che le composizioni in questo lavoro sono ben variate nel carattere e distribuite tra i componenti: quattro a nome del leader, due per ogni componente del quartetto e una tratta dal passato remoto di Henry Purcell, così ricco di dramma e poesia e così amato da Fresu (beh, non solo da lui).

Ogni brano porta l'impronta del proprio autore, spesso mettendo in gioco contrasti stimolanti, stilistici ed espressivi: Tino Tracanna si libra tra astrazione e lirismo, Roberto Cipelli porta il discorso sulla ballad e sulla bellezza melodica nel tema sospeso di "Till the End," splendidamente interpretato dal sax tenore di Tracanna. Attilio Zanchi offre ai solisti il modo di esprimersi con pregnanza nel suo "Words of Wisdom." Ettore Fioravanti fa volare alto il pianoforte di Cipelli e il sax soprano di Tracanna sul metro in sette di "Aquile," mentre ci diletta di grazia nel breve volo di "Colibrì."

Da parte sua, Fresu gioca tra il "Chiaro," lo "Scuro," il "Trasparente" e le "Giallefoglie," cogliendo qui l'essenza del proprio fare musica nei colori e nelle sfumature più delicate, nei contrasti cromatici più tenui. Dando qua e là qualche pennellata di effetti elettronici fin troppo ben educati.


Track Listing: Chiaro; Till the End; Trenta Giorni; Perspective from the Train; Trasparente; Aquile; Giallefoglie; Scuro; Gufo; When I Am Laid in Heart; Go Go B.; Words of Wisdom; Colibrì.

Personnel: Paolo Fresu: tromba, flicorno, multieffetti, claps; Tino Tracanna: sax (tenore e soprano), paparella; Roberto Cipelli: pianoforte, tastiere; Attilio Zanchi: contrabbasso; Ettore Fioravanti: batteria, percussioni.

Year Released: 2014 | Record Label: Tuk Music | Style: Modern Jazz


Related Video

Shop

More Articles

Post a comment

comments powered by Disqus

All About Vince Guaraldi!

An exclusive opportunity for All About Jazz readers to participate in the celebration of a jazz legend.