Amazon.com Widgets

Visual & Visionary Jazz a Vicenza

Italian Language

Visual & Visionary Jazz a Vicenza
By Published: | 578 views
Vicenza Jazz 2014
Vari luoghi
14-16.05.2014

La recensione di tre serate di Vicenza Jazz 2014, durato dal 9 al 17 maggio, può essere sufficiente per individuarne la filosofia. Sotto il titolo "Visual & Visionary Jazz—Sull'Arka di Sun Ra, tra vecchie e nuove avanguardie," che ha funzionato come pretesto, come indirizzo indicativo, la programmazione ha incluso proposte diversificate con la consapevolezza che è la molteplicità di espressioni a rappresentare il jazz attuale come linguaggio globalizzato.

Dopo un periodo in cui organizzatori di festival e concerti sembravano essersi dimenticati di Antonello Salis, in questa primavera, per sua e nostra fortuna, il nome del pianista sardo è ricomparso in molte manifestazioni importanti, anche in collaborazioni inedite. È il caso del dialogo intrecciato a Vicenza con l'ottantenne poeta americano Jack Hirschman, che a cominciare dagli anni Sessanta si è messo in evidenza per la varietà e la radicalità della sua attività artistica. La recitazione di suoi versi, in parte tratti dalla serie di opere denominate "Arcanes," l'ultima delle quali dedicata alla memoria dello scomparso Amiri Baraka
Amiri Baraka
Amiri Baraka
1934 - 2014
vocalist
, ha presentato l'enfasi, il ritmo e l'espressività tipici della pronuncia americana, oltre che i contenuti di una impegnata presa di posizione socio- politica.

Salis, che a volte in passato ha peccato di debordante protagonismo, in questa occasione si è attenuto alla funzione di accompagnatore, per quanto anomalo e propositivo, tessendo accordi, effetti, suggestioni senza sviluppare idee melodico-ritmiche particolarmente marcate. Solo nel finale, alla fisarmonica, e nel bis solitario, al piano, ha affrontato temi già noti, di più spiccato carattere narrativo. Nella seconda parte della serata Salis ha poi avuto modo di riproporsi, accogliendo al volo l'occasione, propiziata dal direttore artistico Riccardo Brazzale, di unirsi al duo Uri Caine
Uri Caine
Uri Caine
b.1956
piano
Han Bennink
Han Bennink
Han Bennink
b.1942
drums
.

Sembra che dopo il festival di Bergamo 2013 sia stata questa la seconda apparizione italiana del duo Sonic Boom. Se a Saalfelden Jazz 2013 Caine e Bennink esaltarono il pubblico imbastendo un set di sfrenata verve e inventiva, al Teatro Olimpico di Vicenza hanno iniziato il concerto in modo più pacato. Nel secondo brano in particolare, un blues protratto troppo a lungo, i due hanno dimostrato tutta la classicità dei propri modelli, soprattutto il batterista olandese che più che mai ha ricordato esplicitamente i maestri dell'era Swing.

L'ingresso in scena di Salis con la fisarmonica ha fatto sì che le cose prendessero una piega diversa: l'improvvisazione assoluta e paritaria fra tre mattatori del loro calibro ha portato a idee grottesche, eccessive e surreali, creando situazioni sempre diverse, innescando un crescendo di tensione tangibile e incatenante, da lasciare col fiato sospeso.
Dopo questa mezz'ora al calor bianco, Salis non ha avuto la misura e il buon senso di non ripresentarsi in scena per i bis, lasciando l'onore e il dovuto spazio al duo. Il risultato è stato che Caine e Bennink hanno preso ad interpretare un distaccato e classico "Honeysuckle Rose" mettendo da parte l'ospite. Il concerto si è concluso con un secondo bis a carico del Sonic Boom: un breve, delicato e sognante "Bewitched" con il batterista impegnato a inserire solo qualche effetto eccentrico.

A questa serata anomala e imprevedibile ha fatto seguito quella del 15 maggio tutta all'insegna del jazz nero-americano saldamente radicato nella tradizione più gloriosa, mettendo a confronto, al Teatro Comunale, il quartetto di Ravi Coltrane
Ravi Coltrane
Ravi Coltrane
b.1965
sax, tenor
e il quintetto di Kenny Garrett
Kenny Garrett
Kenny Garrett
b.1960
sax, alto
.
Spesso in passato si è scritto che Ravi non si rifaceva, e giustamente, al troppo ingombrante modello paterno. Al contrario nel primo brano del concerto vicentino, una rivisitazione del coltraniano "Satellite," la sua sonorità, il fraseggio dagli ampi intervalli, lo sviluppo dinamico hanno ricordato molto la ricerca spericolata del Trane di fine anni Cinquanta. Altrettanto innegabile è che la conduzione ritmica dei tre partner (i bravi David Virelles
David Virelles
David Virelles
b.1983
piano
al piano, Dezron Douglas al contrabbasso e Johnathan Blake alla batteria), soprattutto quando lasciati soli, ha preso a riferimento quella del quartetto storico dei primi anni Sessanta.
Il concerto è poi proseguito con l'interpretazione di original e di due temi di Charlie Parker
Charlie Parker
Charlie Parker
1920 - 1955
sax, alto
e Charlie Haden
Charlie Haden
Charlie Haden
1937 - 2014
bass, acoustic
, che in parte hanno stemperato l'impressione ricevuta dal brano iniziale. All'interno di solide strutture sono così emersi assoli poderosi del sassofonista, che al tenore e al soprano ha rivelato una convinta motivazione, una pienezza espressiva consapevole in continuità col passato. Davvero una sorprendente prova di maturità e forte personalità da parte del quarantottenne discendente del grande Coltrane.

comments powered by Disqus
Support All About Jazz Through Amazon

Weekly Giveaways

Steve Wilson/Lewis Nash

Steve Wilson/Lewis Nash

About | Enter

Tom Chang

Tom Chang

About | Enter

Cedar Walton

Cedar Walton

About | Enter

Sheryl Bailey

Sheryl Bailey

About | Enter

Sponsor: ECM Records | BUY NOW