Amazon.com Widgets

Stephan Crump e il Questionario di Proust

Italian Language

Stephan Crump e il Questionario di Proust
By Published: | 316 views
Il tratto principale della mia musica
Un distacco dalla realtà ... A volte per avere di tale realtà una nuova prospettiva, altre volte solo per stare per un po' in un altrove.

La qualità che desidero nei musicisti che suonano con me
Una voce che sia unica, ma che al tempo stesso non abbia paura di darsi alla musica.

Come musicista, il momento in cui sono stato più felice
Quando sento che il gruppo in cui sto suonando diventa un unico organismo magnetico, in cui ciascuna delle sue parti si dà interamente e senza egoismo alla musica.

Come musicista, il mio principale difetto
A volte ... l'impazienza.

La mia più grande paura quando suono
Che le cose perdano i loro collegamenti ... Il loro centro di gravità e la loro logica.

Sogno di suonare
Pienamente nell'istante.

La mia fonte di ispirazione
Tutto ciò che al mondo mi circonda.

I miei musicisti preferiti
Sono ricercatori, e persone buone.

La canzone che fischio sotto la doccia
"Rock Steady" di Aretha Franklin (con Chuck Rainey al basso!).

Il dono di natura che vorrei avere
Essere un pittore, o uno scultore. Non penso di avere davvero questo talento, ma è parte di ciò che cerco di fare con la musica.

Nella musica, la cosa che detesto di più
La musica che ci distacca dall'umanità. Non rifiuto assolutamente i computer e l'elettronica nella musica, ma al giorno d'oggi c'è una grande quantità di musica in cui l'equilibrio è nettamente sbilanciato verso il computer, lontana dall'essere umana, fatta da persone che non hanno passato ore, giorni, anni a suonare con altre persone, ricercando e facendo scoperte insieme a loro. Questo sentimento deve esserci, altrimenti siamo scollegati dal nostro essere più profondo, e dagli altri.

La musica come materia prima, e/o come pubblicità di una materia prima ... è una cosa così pericolosa. Dobbiamo ricordarci che la musica è una forma di comunicazione e di viaggio collettivo fondamentale per l'umanità.

E poi i testi pigri, pieni di luoghi comuni.

Gli errori musicali che mi ispirano maggiore indulgenza
Nel momento in cui si fa musica, bisogna mantenere un equilibrio molto difficile ... Sta tra l'essere un buon editor di se stessi (o anche un duro critico di se stessi!) e lasciare che le cose avvengano naturalmente. Accetto il fatto che questa sfida sia intrinseca in quello che facciamo ... A volte, però, mi piacerebbe chiedere al mio senso critico di prendersi una lunga vacanza.

Il pezzo che vorrei venisse suonato al mio funerale
Spero semplicemente che si possano sentire la brezza tra i rami, l'acqua che scorre, gli uccelli e le altre creature ... la Terra.

Lo stato attuale della mia attività musicale
Sono pronto a sfidare me stesso con nuove modalità espressive. Non sono ancora sicuro a cosa porterà tutto questo, ma ci sto provando!

Il mio motto
Mi dispiace, non ho un motto. E neanche tatuaggi!

Foto
Guy Fonck.


comments powered by Disqus
Support All About Jazz Through Amazon

Weekly Giveaways

Michael Carvin

Michael Carvin

About | Enter

Steve Wilson/Lewis Nash

Steve Wilson/Lewis Nash

About | Enter

Tom Chang

Tom Chang

About | Enter

Cedar Walton

Cedar Walton

About | Enter

Sponsor: ECM Records | BUY NOW