Inside Jazz Quartet: Portraits (2014)

Italian Language

By Published: | 387 views
How we rate: our writers tend to review music they like within their preferred genres.

Inside Jazz Quartet: Portraits
Un quartetto paritetico composto da musicisti di esperienza e riconosciuto valore mette in scena brani di alcuni dei più importanti protagonisti del jazz moderno quali sono Steve Swallow
Steve Swallow
Steve Swallow
b.1940
bass
e Wayne Shorter
Wayne Shorter
Wayne Shorter
b.1933
saxophone
, Thelonious Monk
Thelonious Monk
Thelonious Monk
1917 - 1982
piano
e Carla Bley
Carla Bley
Carla Bley
b.1938
piano
, per arrivare fino a Yusef Lateef
Yusef Lateef
Yusef Lateef
1920 - 2013
reeds
.

Non c'è invero nulla di "rivoluzionario," né di particolarmente "innovativo" nell'album, così come nel progetto, ma "solo"—e scusate se è poco—l'idea di entrare a modo proprio, ancorché con il massimo rispetto, dentro alcune composizioni di Maestri che è doveroso omaggiare se si è appassionati di questa musica. Composizioni, oltretutto, perlopiù poco frequentate, come nel caso di quelle di Swallow, un po' trascurato come compositore ("Remember," "Let's Eat" e "Muddy in the Bank"), o di Shorter (la splendida "Aung San Suu Kyi," "Prince of Darkness" e "Penelope," le prime due con Tino Tracanna scintillante al soprano).

Ma le perle del CD sono forse una trasformata (e poco monkiana) "Evidence," una rilassata ed espressiva "Morning" di Lateef—nella quale Tracanna dà un saggio della sua maestria al tenore, Massimo Colombo prende un solo tra piano e Fender e Attilio Zanchi attraversa l'intero brano sostenendolo con il tema dettato dal contrabbasso—e la classica "Ida Lupino" della Bley, sempre splendida ma non per questo facile da interpretare senza cadere nel cliché.

A completare l'ottimo CD, una brevissima composizione di Colombo, "Yangon," e una poco più lunga improvvisazione di gruppo, "Alba," forse dedicata alla nascita del quartetto.

Le esecuzioni dei brani sono perfette, le interpretazioni magistrali, l'album assolutamente godibile, a dimostrare che è possibile sfornare eccellenza anche con "semplice" jazz moderno—a condizione che a suonarlo siano musicisti eccellenti.

Track Listing: Remember; Yangon; Aung San Suu Kyi; Ask Me Now; Let’s Eat; Ida Lupino; Prince of Darkness; Evidence; Alba; Morning; Muddy in the Bank; Penelope.

Personnel: Tino Tracanna: sax tenore e soprano; Massimo Colombo: pianoforte e Fender Rhodes; Attilio Zanchi: contrabbasso; Tommaso Bradascio: batteria.

Record Label: Abeat Records


comments powered by Disqus
Sponsor: Summit Records | BUY NOW

Enter it twice.
To the weekly jazz events calendar

Enter the numbers in the graphic
Enter the code in this picture

Log in

One moment, you will be redirected shortly.

or search site with Google