2

Luciano Biondini - Michel Godard - Lucas Niggli: Mavì

Neri Pollastri By
Published:
Views: 1,188
Luciano Biondini - Michel Godard - Lucas Niggli: Mavì
Giunto al secondo CD (il precedente What Is There What Is Not era del 2011, sempre per Intakt), l'atipico, europeo e originale trio di Luciano Biondini, Michel Godard e Lucas Niggli mostra di avere un'intesa invidiabile, messa alla prova su un repertorio decisamente variato e interessante.

Mavì—titolo che rimanda al colore del mare—è stato registrato nel maggio del 2013, all'indomani di una riuscitissima performance dal vivo al festival di Schaffhausen—dalla quale vengono infatti le ultime due tracce. Godard vi suona tuba, serpente e in alcuni passi anche la chitarra basso, e costituisce senza dubbio l'elemento che maggiormente caratterizza il colore e le atmosfere, dato che i suoi strumenti producono anzitutto uno sfondo scabro sul quale si staglia la fisarmonica di Biondini, in secondo luogo una vasta serie di melodie e improvvisazioni decisamente spiazzanti per chi non conosca Godard e ciò che egli è capace di fare con le "armi apparentemente limitate" di cui dispone.

Accanto a lui è particolarmente efficace lo svizzero (ma lungamente vissuto in Camerun da giovanissimo) Niggli, che usa la batteria con approccio multietnico e multicolore—come evidenzia in modo eminente la suggestiva introduzione di "Black Eyes"—conferendo anch'egli alla musica timbri e atmosfere sorprendenti.

Biondini, infine, è di fatto il primattore, spettando a lui gran parte degli spazi tematici—interpretati con brillantezza e virtuosistica genialità—ma anche numerosi bordoni, che è in grado di rendere con forme assai diverse tra loro, ora in modo quasi organistica, ora da pura ancia.

Come detto, la musica si avvale anche della varietà dei temi, perlopiù originali (tre a testa di Biondini e Godard, uno solo di Niggli) ma comunque tra loro diversissimi e—cosa importante—poco legati alla tradizione della fisarmonica. Oltre a essi, "Bluesette" è di Toots Thielemans, "Unrequited" uno tra i più noti brani di Brad Mehldau e "Lascia ch'io pianga" di Händel, bellissimo ma da qualche tempo un po' abusato, comunque qui riproposto in una forma molto originale. Ad ogni modo, i brani—incluso il conclusivo, splendido, "A Trace of Grace"—sono in fondo poco più che uno spunto per il dialogo improvvisato tra i tre, che è infatti ciò che conta e affascina di questo lavoro.


Track Listing: Mavì; Ausencia; Dreaming Dancers; Unrequited; Lascia ch'io pianga; The Wised Up Fanfare; Bluesette; Black Eyes; A Trace of Grace.

Personnel: Luciano Biondini: fisarmonica; Michel Godard: tuba, serpente, chitarra basso; Lucas Niggli: batteria, percussioni.

Year Released: 2013 | Record Label: Intakt Records | Style: Free Improv/Avant-Garde


Related Video

Shop For Jazz

CD/LP/Track Review
  • Mavì by Neri Pollastri
Read more articles
Mavì
Mavì
Intakt Records
2014
buy

Post a comment

comments powered by Disqus

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google banner ads that appear on every page for a full year!

Fund All About Jazz's Future