Marty Ehrlich Large Ensemble: A Trumpet in the Morning (2013)

Italian Language

By Published: | 642 views
How we rate: our writers tend to review music they like within their preferred genres.

Marty Ehrlich Large Ensemble: A Trumpet in the Morning
Ricercatore instancabile, Marty Ehrlich
Marty Ehrlich
Marty Ehrlich
b.1955
reeds
torna dopo 13 anni con un progetto per big band, firmando uno dei dischi più belli del 2013. Rara avis, il lavoro di arrangiamento si distingue per una idea di jazz magnificamente svincolato da regole e formulette. Prevale una pratica musicale estremamente volatile, che anche all'interno di un solo episodio cambia continuamente forma e soluzioni, giocando mimeticamente con più stili. Le composizioni si impongono per l'obliquità ruvida del tessuto sonoro, con masse sonore graffianti, in continuo attrito.

Sulla scorta dell'insegnamento di Julius Hemphill
Julius Hemphill
Julius Hemphill
1938 - 1995
sax, alto
e Muhal Richard Abrams
Muhal Richard Abrams
Muhal Richard Abrams
b.1930
piano
, ogni tassello ha una sua autonoma valenza grazie ad un diverso approccio all'orchestrazione. La struttura piramidale con sezioni contrastanti di ascendenza mingusiana domina l'andamento di "M Variations," qui riarrangiato come concerto per pianoforte. Altrove, le partiture assumono i contorni di grandiosi affreschi orchestrali dove a turno le varie sezioni ricorrono all'improvvisazione come potente mezzo di riscrittura.

Dall'omaggio al delta blues alle combinazioni free, la musica più visceralmente soulful si incontra con quella più astratta in una magica collisione fra opposti. Grazie anche ad una big band da sogno, il magistrale lavoro di scrittura ed arrangiamento del leader viene esaltato dal fervido contributo delle varie—e tutte personali—voci strumentali.

Opere come queste vanno amate e sostenute sia dal pubblico che dagli addetti ai lavori, in quanto sono destinate a restare negli annali del jazz.

Track Listing: Prelude: Agbekor Translations; A Trumpet in the Morning; Blues for Peace; Rundowns and Turnbacks; M Variations (Melody for Madeleine); 06. Postlude: Agbekor Translations.

Personnel: J.D. Parran: voce narrante, sax soprano; Andy Laster: sax alto; Robert DeBellis: sax alto e soprano, clarinetto; Jason Robinson, Adam Kolker: sax tenore; Marty Ehrlick: clarinetto, direzione; Howard Johnson: sax baritono; Lis Parrott: sax baritone, clarinetto; E.J. Allen, Ron Horton, James Zollar, Miki Hirose: tromba; John Clark: corno inglese; Ray Anderson, Michael Dessen, Curtis Fowlkes: trombone; Joseph Daley: tuba; James Weidman, Uri Caine: pianoforte; Warren Smith: vibrafono, percussioni; Jerome Harris: chitarra; Brad Jones, Drew Gress: contrabbasso; Eric McPherson, Matt Wilson: batteria.

Record Label: New World Records

Style: Modern Jazz


comments powered by Disqus
Sponsor: Summit Records | BUY NOW

Enter it twice.
To the weekly jazz events calendar

Enter the numbers in the graphic
Enter the code in this picture

Log in

One moment, you will be redirected shortly.

or search site with Google